guerra, amnistia, indulto, ratifica trattati internazionali, pareggio in bilancio, inchieste – la deforma-Costituzione renzina, artt. 78, 79, 80, 81 e 82 – 283

Costituzione art. 78:

Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari.

. . .

Costituzione art. 78 riforma Berlusconi

Immutato.

. . .

Ed ora vediamo che cosa succede con Renzi:

Costituzione art. 78 riforma Renzi (in neretto le modifiche o le aggiunte)

La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari.

.

Negativo che sia completamente escluso il Senato da una decisione cosi` importante; non lo aveva fatto neppure Berlusconi.

Positivo che almeno sia richiesta per la delibera della Camera la maggioranza assoluta e non la maggioranza semplice.

E tuttavia forse sarebbe stata auspicabile, per una decisione cosi` importante, una maggioranza piu` significativa, ad esempio dei due terzi.

Come per l’amnistia e l’indulto, almeno!

Che ci voglia una magioranza piu` grande per mandare fuori di galera in anticipo qualcuno che per mandare i giovani a morire vi sembra sensato?

Cover-Mostre-600x400

. . .   . . .     . . .

Costituzione art. 79:

.1. L’amnistia e l’indulto sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale.

.2. La legge che concede l’amnistia o l’indulto stabilisce il termine per la loro applicazione.

.3. In ogni caso l’amnistia e l’indulto non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla presentazione del disegno di legge. 

. . .

Costituzione art. 79 riforma Berlusconi

Immutato

. . .

Costituzione art. 79 riforma Renzi (in neretto le modifiche o le aggiunte)

.1. L’amnistia e l’indulto sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti della Camera dei deputati, in ogni suo articolo e nella votazione finale.

.2. immutato

.3. immutato

Semplice adeguamento formale alle nuove (non) competenze del Senato.

. . .   . . .     . . .

Costituzione art. 80:

Le Camere autorizzano con legge la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica, o prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi. 

. . .

Costituzione art. 80 riforma Berlusconi (in neretto le modifiche)

E’ autorizzata con legge, approvata ai sensi dell’ articolo 70, primo comma, la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica, o prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi”. 

. . .

Costituzione art. 80 riforma Renzi (in neretto le modifiche o le aggiunte)

La Camera dei deputati autorizza con legge la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica, o prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi. Le leggi che autorizzano la ratifica dei trattati relativi all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea sono approvate da entrambe le Camere. 

Lo stato di guerra, no (scusate se insisto sul concetto, ma e` proprio grottesco).

. . .   . . .     . . .

Costituzione art. 81:

.1. Lo Stato assicura l’equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico.

.2. Il ricorso all’indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali.

.3. Ogni legge che importi nuovi o maggiori oneri provvede ai mezzi per farvi fronte.

.4. Le Camere ogni anno approvano con legge il bilancio e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo.

.5. L’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi.

.6. Il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri volti ad assicurare l’equilibrio tra le entrate e le spese dei bilanci e la sostenibilità del debito del complesso delle pubbliche amministrazioni sono stabiliti con legge approvata a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera, nel rispetto dei principi definiti con legge costituzionale.

Si tratta dell’articolo recentemente rivisto, fra grandi quanto inutili polemiche, e che ha stabilito il cosiddetto obbligo di pareggio in bilancio.

Sembra una barzelletta dirlo, oggi, no?

In realta` l’unica novita` e` che per approvare lo sforamento del bilancio e proseguire con l’indebitamento il Parlamento deve dichiarare che si sono verificati avvenimenti eccezionali.

E si sono verificati tutti gli anni, dall’approvazione della modifica nel 2012 (che aveva effetto dal bilancio 2014) ad oggi.

Figuratevi se verra` mai a mancare una maggioranza, anche assoluta, nel nostro parlamento per proseguire la politica dell’indebitamento progressivo e carpire consenso, la politica che fu democristiana e poi craxiana, berlusconiana e renziana – contrastata soltanto degli unici due economisti che abbiamo avuto al governo: Prodi e Monti.

. . .

Costituzione art. 81 riforma Berlusconi (in neretto le modifiche)

La deforma-Costituzione di Berlusconi precede la modifica del 20 aprile 2012.

Quindi riporto il suo testo completo (in neretto il primo comma, perche` era innovativo):

.1. Sono approvati ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo ai sensi dell’ articolo 70, primo comma”.

.2. L’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi.

.3. Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese.

.4. Ogni altra legge che importi nuove o maggiori spese deve indicare i mezzi per farvi fronte.

 . . . 

Costituzione art. 81 riforma Renzi (in neretto le modifiche o le aggiunte)

.1. immutato

.2. Il ricorso all’indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e, previa autorizzazione della Camera dei deputati adottata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali.

.3. immutato

.4. La Camera dei deputati ogni anno approva con legge il bilancio e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo.

.5. immutato

.6. Il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri volti ad assicurare l’equilibrio tra le entrate e le spese dei bilanci e la sostenibilità del debito del complesso delle pubbliche amministrazioni sono stabiliti con legge approvata a maggioranza assoluta dei componenti della Camera dei deputati, nel rispetto dei princìpi definiti con legge costituzionale.

Correzioni meramente formali legate sempre al ridimensionamento del ruolo del Senato.

. . .   . . .     . . .

Costituzione art. 82:

.1. Ciascuna Camera può disporre inchieste su materie di pubblico interesse.

.2. A tale scopo nomina fra i propri componenti una commissione formata in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. La commissione d’inchiesta procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria.

. . .

 Costituzione art. 82 riforma Berlusconi (in neretto le modifiche)

.1. immutato

.2. La Commissione d’inchiesta istituita dalla Camera dei deputati ovvero con legge approvata dalle Camere ai sensi dell’articolo 70, terzo comma, procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorita’ giudiziaria. Il Presidente della Commissione d’inchiesta istituita dalla Camera e’ scelto tra deputati appartenenti a gruppi di opposizione.

L’ultima integrazione e` molto positiva.

ma Berlusconi sapeva che era molto probabile che finisse in minoranza e voleva garantirsi degli spazi.

. . .

Costituzione art. 82 riforma Renzi (in neretto le modifiche o le aggiunte)

.1. La Camera dei deputati può disporre inchieste su materie di pubblico interesse. Il Senato della Repubblica può disporre inchieste su materie di pubblico interesse concernenti le autonomie territoriali.

.2. A tale scopo ciascuna Camera nomina fra i propri componenti una Commissione. Alla Camera dei deputati la Commissione è formata in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. La Commissione d’inchiesta procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria.

. . .

L’idea positiva della riforma berlusconiana di stabilire in Costituzione che il Presidente delle commissioni d’inchiesta parlamentari debba essere dell’opposizione e` abbandonata.

In compenso riemerge, ma qui con piu` evidenza che altrove, la strana idea che nel nuovo Senato non possano costituirsi gruppi di opposizione.

. . .   . . .     . . .

Dandone un giudizio finale, l’insieme di questi articoli non vede stravolgimenti particolari rispetto all’esistente, nella deforma renzina, a parte il ridimensionamento del Senato.

Tuttavia gli aspetti negativi prevalgono, perfino rispetto alla deforma di Berlusconi.

 

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...