sciamare – 321

sento mio figlio gridare: bambini in casa, in casa!

una nuvola enorme di insetti ronzanti, migliaia e migliaia, volteggia con un rumore fortissimo nello spazio di cielo tra il mio casale e il resto del paesino.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

intanto ecco che le donne si affacciano alla finestra di fronte e arrivano anche gli uomini, dai campi o dalle altre attivita`.

che cosa sono? vespe? calabroni?

no, sono semplicmente api che sciamano.

uno spettacolo naturale stupefacente, che non avevo mai visto in vita mia.

. . .

succede anche nei migliori alveari che qualcuno decida di andarsene.

tocca alla vecchia regina prendersi la meta` delle operaie e mettersi in volo alla ricerca di un luogo dove costruire un alveare nuovo.

l’impresa la spossera` e nel giro di due anni dovra` essere sostituita.

intanto una nuova regina, allevata con cura, e` gia` subentrata nella guida del vecchio alveare.

. . .

la sciamatura avviene di solito in primavera, ma puo` capitare anche piu` avanti, se l’alveare e` malato.

infatti questo dev’essere il caso: ci sono diverse api che cadono morte a terra sulla strada dal tetto.

dove le altre si accalcano incredibilmente aggrappandosi le une alle altre fino a formare dei veri e propri grappoli.

l’alveare e` un organismo di secondo livello nel mondo delle api (quello che sta diventando il mondo globalizzato per gli umani) e la scena orgiastica alla quale sto assistendo incredulo e` il momento nel quale l’alveare si riproduce.

una specie di orgasmo apiario di massa.

e infatti le api sono guidate nei loro comportamenti da un feromone speciale, una specie di odore, emesso dalla regina, che scatena i loro istinti.

chissa` se la regina e` ancora vergine oppure se e` stata gia` fecondata da un fuco.

. . .

intanto ci si domanda da chi saranno fuggite le api, che sono state viste arrivare da sud, quindi dalla frazione piu` in basso.

e ci si mette a battere ritmicamente sulle pentole per convincere le api a fermarsi.

ma non ce ne sarebbe bisogno: hanno gia` scelto la loro sede.

ah, catturare la regina!

chi riuscisse a farlo, a collocarla in un’arnia, avrebbe conquistato un alveare gratis.

ma invano Achille prova a salire con una lunghissima scala fino al secondo piano del tetto con tutto il necessario per affumicare le api.

oramai si devono essere nascoste nelle intercapedini.

un nuovo alveare e` nato, ma invisibile e silenzioso.

. . .

il video vi mostra alcuni momenti descritti qui sopra.

giusto per togliervi dalla mente che io abbia voluto costruire un apologo o una specie di parabola sui deliri di massa che possono colpire qualunque gruppo.

. . .

del resto, potete pensare anche questo: che in un blog come il mio, che registra i miei pensieri, spesso anche politici, e le mie esperienze che mi paiono significative, e` anche logico che trovino sempre piu` spazio temi semplici e quotidiani.

non si puo` scegliere di cambiare completamente vita, come ho fatto io, e di raccogliere le esperienze di una esistenza nella natura, senza cambiare un poco anche il blog.

e allora, buon video.

Annunci

17 thoughts on “sciamare – 321

  1. Stare in mezzo ad uno sciame è veramente terrificante.
    Mi è capitato di farlo per aiutare un amico apicoltore e il ronzio continuo, unito al pensiero che se non avessi avuto maschera e tuta mi avrebbero conciato malissimo, erano decisamente poco rassicuranti sul momento. Viste alla giusta distanza sono affascinanti. Mi aveva colpito il fatto che finché rimanevo fermo o mi spostavo lentamente si limitavano a ricoprirmi ma non appena muovevo un braccio convergevano rapidamente tutte in massa ad attaccare la mano seguendo i miei movimenti..

    Liked by 1 persona

    1. pare che durante la sciamatura, pero`, le api siano inoffensive.

      lo diceva la gente del posto e su wikipedia ho trovato la spiegazione scientifica: si rimpinzano talmente di miele prima di partire, che non riescono neppure ad estrarre il pungiglione.

      ad ogni buon conto una bella tuta protettiva e` consigliabile lo stesso, come si vede dal video… 🙂

      Mi piace

  2. Ma che bello , bello, bello! Sei stato fortunato.
    Non penserei proprio ad associarlo agli umani inutili deliri di massa sotto spinte aliene,
    questi esserini sentono una sorta di loro comando interno necessario alla sopravvivenza del gruppo ed è meraviglioso che lo sentano tutti insieme. così come è meraviglioso che la regi.. Regina (merita il maiuscolo) sappia dove guidarle. Glielo invidio un/una leader così !!

    Liked by 1 persona

    1. be’, ecco una lettura molto poetica e fascinosa.

      e una diversa sottintesa morale rispetto alla mia.

      non sono sicuro pero` che sia giusto definire esserini le api, solo perche` noi abbiamo delle dimensioni esagerate e persino superflue rispetto a loro…

      sono macchine da guerra terribili, se occorre.

      Liked by 1 persona

      1. o sì, c’era un pò di tenerezza perchè loro fanno il miele e la preziosa propoli che noi prendiamo gratis… Ma è verissima la carica offensiva che possono avere gli insetti. Tanto è vero che James Hillman gli aveva dedicato un capitolo nel saggio sui sogni, riportando come essi quando compaiono nei sogni, o quando attaccano di sorpresa, suscitano un autentico panico,. Possono indurre nella conseguente confusione perfino a gesti autolesionisti.
        La capacità offensiva sembra inversamente proporzionale alle dimensioni, se pensiamo ai virus 🙂

        Mi piace

        1. e` bello imparare ogni giorno una cosa nuova e la giornata di oggi ha gia` avuto il suo dono…

          io non riesco a dimenticare un mio amico, morto dopo alcuni anni di coma, per un’ape che gli era entrata in bocca mentre guidava la moto e lo aveva punto in gola, provocando una reazione allergica che lo aveva soffocato.

          forse e` per questo che le guardo sempre con un sospetto vagamente hillmaniano…

          Liked by 1 persona

  3. che spettacolo affascinante!
    E ora…han fatto l’alveare sotto la grondaia? Come si fa a catturare l’ape regina e il suo seguito?
    che paura però…. brrrr…ma non attaccano l’uomo?

    una volta da queste parti un contadino con il trattore ha toccato un alveare; le api lo hanno assalito ed è finito al pronto soccorso 😦

    Mi piace

    1. e` stato fortunato quel contadino: si puo` finire anche uccisi da uno sciame infuriato.

      come dicevo a Jeremy nel commento sopra, nella sciamatura pero` le api sono inoffensive, per motivi, per cosi` dire, logistici, legate alla salmeria, ai vettovagliamenti (in miele) della loro migrazione…

      per catturare l’alveare, basta arrivare a catturare la regina, perche` poi le altre api la seguono.

      per questo si prova ad affumicare lo sciame per distogliere le api che difendono la regina facendo mucchio sopra di lei.

      ma qui l’operazione e` fallita, perche` la regina si era gia` infilata negli spazi irraggiungibili della copertura del tetto, dietro la grondaia.

      Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...