Terra unica e sola – 334

sempre piu` chiaro si sta facendo il carattere per nulla normale nella nostra galassia del nostro sistema solare, e di conseguenza anche della Terra.

sta succedendo all’umanita` tutta quel che succede al bambino nella sua evoluzione psicologica: prima si sente il centro del mondo, poi si accorge che esistono anche gli altri e che il mondo e` piu` complesso, e che lui e` uno fra i tanti.

ma a questo punto pensa che anche gli altri siano come lui.

solo procedendo ancora potra` arrivare a rendersi conto di essere diverso da ogni altro intorno a lui: di essere unico.

Un tempo ritenuto uno standard cosmico, il sistema solare, con la sua distribuzione bipartita di pianeti rocciosi interni e giganti gassosi a maggiore distanza dal Sole, appare in realta` piuttosto singolare.

In orbita attorno al Sole non ci sono le cosiddette super-Terre, che sono in realta` il tipo di pianeta piu` comune nella nostra galassia.

– almeno a stare alle nostre osservazioni attuali –

In media, le orbite dello strano corteo planetario intorno al Sole sono piu` distanziate e circolari rispetto a quello che si osserva nei sistemi di altre stelle.

. . .

sull’ultimo numero delle Scienze Konstantin Batygin, Gregory Laughlin e Alessandfro Morbidelli cominciano a tirare alcune conclusioni dalle prime migliaia di esopianeti (pianeti di altri sistemi solari), osservati negli ultimi anni.

il nostro sistema solare e` caratterizzato da alcuni pianeti rocciosi interni e da alcuni pianeti giganti gassosi esterni in orbite ellittiche, ma quasi circolari.

ma pianeti giganti sono presenti solamente nel 10% dei sistemi solari sinora scoperti, e tra questi ben pochi hanno orbite circolari.

in compenso la maggior parte dei sistemi solari scoperti ha pianeti rocciosi piu` grandi di quelli del nostro – sono chiamati super-Terre – che ruotano molto piu` vicini alla loro stella.

e sono, in conclusione, totalmente inadatti ad una vita simile alla nostra.

. . .

come dicono i tre studiosi, si tratta di una “scomoda conclusione”.

scomoda perche` ha inficiato alla base la convinzione classica che il nostro sistema solare sia un modello attendibile di formazione dei sistemi planetari.

e sta dimostrando invece che si tratta di una eccezione particolare, caratterizzata da una estrema instabilita` e da una storia molto peculiare.

come riassume il titolo, il nostro sistema solare e` “nato dal caos”.

. . .

non e` il caso che io riassuma qui piu` dettagliatamente le ipotesi nate dalle simulazioni al computer del processo di formazione di un sistema planetario come il nostro.

la lettura dell’articolo e` affascinante (per me) quasi come quella di un giallo.

a me basta arrivare al punto saliente:

“La concatenazione di eventi casuali necessaria per questa precisa coreografia – si intende: planetaria – farebbe pensare che i pianeti rocciosi simili alla Terra – e forse la vita stessa – possano essere rari nel cosmo”.

. . .

lasciamo che loro siano accademicamente prudenti.

io non ho motivo di esserlo, e sintetizzo cosi`.

siamo effettivamente dei personaggi che vivono dentro una Divina Commedia scritta, battendo i tasti a caso, da una tribu` di scimmie impazzite…

. . .

se la possibilita` vi sembra troppo improbabile per potere essere vera, potete sempre pensare che il multiverso sia infinito.

questo non soltanto rende possibile l’inverosimile probabilita` che quelle scimmie ci siano riuscite.

rende assolutamente certo che ci sono riuscite non una volta sola, ma infinite.

. . .

vi e` dunque un numero infinito di universi la` fuori?

e dunque anche un numero infinito di Terre assolutamente identiche alla nostra.

ma anche un numero infinito di Terre che si differenziano dalla nostra unicamente per un dettaglio insignificante.

un numero infinito di pianeti per ogni piccola differenza.

e un numero infinito di pianeti anche grandemente differenti.

ma tutte in altri universi che non sono in grado di comunicare col nostro, almeno secondo le regole note…

. . .

l’infinito ci assorbe e non riusciamo neppure a capire se sia reale, l’infinito li` fuori…

se tutto questo vi sembra irreale, allora non vi resta che pensare che il nostro universo non e` reale.

conclusione del resto inevitabile, se vogliamo pensare, invece, che il tutto non puo` essere infinito.

multiverso

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...