che vitalita` quel Titano – 338

e` un post di astronomia, che credevate?

una nuova riflessione sulla vita nella nostra galassia…

non vi interessa? no problem.

qui do voce ai miei interessi oppure, se preferite, alle mie manie…

. . .

Titano, il principale satellite del pianeta Saturno, e` un poco piu` grande di Mercurio, e anche della Luna; ha un diametro che e` circa un sesto di quello terrestre.

ha mari, laghi, fiumi, ma di metano liquido e di etano, e montagne;

ha perfino le nuvole, ma di idrocarburi,

e un’atmosfera quasi completamente di azoto.

su di lui ci sono venti e piogge, ma sempre di metano;

ci sono le stagioni.

sua particolarita` e` che la sua temperatura superficiale media è molto vicina al punto triplo del metano dove possono coesistere le forme liquida, solida e gassosa di questo idrocarburo.

. . .

siamo arrivati su Titano con una sonda nel 2005, la Cassini.

ora i dati raccolti confermano che l’acido cianidrico abbonda nella sua atmosfera, simile a quella primordiale della Terra, nella quale si formarono le prime forme di vita.

l’acido cianidrico e` un potente veleno per noi, usato anche per eseguire le condanne a morte nelle camere a gas o nei campi di sterminio nazisti.

su Titano l’acido cianidrico e` prodotto dalla radiazione solare che colpisce l’atmosfera di azoto e metano, ma e` anche paradossalmente una sostanza prebiotica.

. . .

L’acido cianidrico è un composto chimico organico che può reagire con se stesso o con altre molecole – formando lunghe catene, o polimeri, uno dei quali è chiamato “poliimmidi”. È versatile e aiuta la mobilità in condizioni molto fredde.

I poliimmidi possono esistere come strutture diverse, e possono essere in grado di fare cose notevoli alle basse temperature, soprattutto nelle condizioni che ci sono su Titano.

uno studio della Cornell University conclude che le condizioni di Titano potrebbero essere adatte all’evoluzione di forme di vita che non necessitano dell’acqua.

dunque potrebbero esistere i presupposti di processi che portano sul pianeta a un tipo di vita molto diverso da quello terrestre.

. . .

Martin Rahm, uno degli autori dell’articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences:

“Siamo abituati alle nostre condizioni di vita qui sulla Terra.

La nostra esperienza scientifica avviene alla nostra temperatura ambiente e con le nostre condizioni ambientali.

Titano è completamente diverso, e dovremo continuare a studiarlo.

Se osservazioni future evidenziassero la presenza di chimica prebiotica in un posto come Titano sarebbe un importante passo avanti”.

. . .

un passo avanti nella lotta contro il pregiudizio che la vita nella galassia debba necessariamente assumere fome simili a quella sulla Terra.

Per gran parte la nostra ricerca di vita extraterrestre si è sempre focalizzata su pianeti all’interno della cosiddetta zona abitabile, ossia quella regione attorno a una stella in cui le temperature sulla superficie di un pianeta orbitante non sono né troppo calde né troppo fredde, ed è compatibile con l’esistenza di acqua allo stato liquido.

e se invece proprio la Terra con le sue forme di vita fosse un’eccezione?

se l’ambiente standard per la formazione della vita fosse quello di Titano, senza acqua e con oceani di metano?

Liquid_lakes_on_titan

immagine della superficie di Titano presa dalla sonda Cassini

Annunci

2 thoughts on “che vitalita` quel Titano – 338

  1. Mi ha sempre meravigliato quel pregiudizio secondo cui “vita” doveva essere come la nostra, basata sul carbonio, su certe temperature ecc ecc . A volte i molto specializzati mancano di immaginazione…
    Come possiamo escludere che esista una “vita” di materia talmente sottile da essere, per il nostro standard, di esseri incorperei. Senza i nostri paesaggi e le nostre sensazioni, perchè capaci di altro che noi possiamo solo vagamente supporre, come il parlarsi solo attraverso “pensieri” , magari con un inizio d’esistenza ma senza un termine per l’estinzione… O forse nemmeno un inizio, dal momento che inizio-fine è un concetto nostro dedotto dal nascere-morire, dal giorno-notte…

    Mi piace

    1. bellissimo commento!

      questo post lo avevi visto a suo tempo? credo di no:
      https://bortocal.wordpress.com/2015/07/17/racconto-di-fantascienza-forse-352/

      li` forse non avevo pero` particolarmente insistito sul tema della vita basata su altro che sul carbonio.

      ci dicono che soltanto il silicio avrebbe la capacita` intrinseca di formare quei composti particolarmente complessi che reggono la vita.

      ma potrebbe essere mancanza di immaginazione anche questa; forse in ambienti radicalmente diversi anche altri elementi potrebbero acquistare questa possibilita`?

      non lo so.

      in ogni caso condivido l’idea che una visione antropocentrica ci impedisce di immaginare ipotesi piu` ampie.

      Liked by 1 persona

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...