quanti saranno gli europei espulsi dall’Inghilterra per il Brexit? – 350

il comportamento dei nostri media sul brexit e` apparentemente assurdo e incomprensibile:

prima del referendum hanno sparso terrore a piene mani sulle sue conseguenze economiche, ingigantendole oltre ogni limite.

e come se il nostro provocato terrore potesse contare qualcosa.

ora che la frittata e` fatta, invece, eccoli impegnati a spendere rassicurazioni altrattanto stupide.

e a cercare di convincerci che non e` successo nulla.

. . .

invece l’esito di quel referendum e` molto grave.

ma politicamente, non economicamente.

non che non ci saranno conseguenze economiche.

ma di minore portata rispetto alle conseguenze dirette per la vita di milioni di persone.

forse sarebbe il caso che cominciamo prima a preoccuparci degli esseri umani che dei nostri soldi.

. . .

il brexit e` l’equivalente moderno e non sanguinario dell’approvazione delle leggi razziali negli anni Trenta…. . .

per capire bene che cosa bolle nella pentola inglese dopo il referendum, occorre leggersi il comunicato ufficiale pubblicato sul sito  del governo UK l’11 giugno.

https://www.gov.uk/government/news/statement-on-the-status-of-eu-nationals-in-the-uk

titolo:

There has been no change to the rights and status of EU nationals in the UK, and UK nationals in the EU, as a result of the referendum.

che e` poi una assoluta ovvieta`:

non ci sono stati, infatti, cambiamenti ai diritti e alle condizioni dei cittadini dell’Unione Europea nel Regno Unito, come dice il comunicato.

non ce ne sono stati ancora, per il semplice motivo che l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea non e` stata ancora notificata ufficialmente.

lo dicono anche loro!:

La decisione su quando far scattare l’articolo 50 e avviare il processo formale di abbandono dell’UE sarà presa dal nuovo primo ministro. Il Regno Unito rimane un membro dell’UE nel corso di questo processo, e fino a quando le trattative previste dall’articolo 50 saranno concluse.

. . .

ma questa decisione risulta notificata in pratica, per cosi` dire, proprio da questo comunicato per quel che dice sul piano linguistico inconsapevolmente.

i cittadini dell’Unione Europea contrapposti al Regno Unito.

come se il Regno Unito gia` oggi fosse altra cosa dall’Unione Europea.

sono piu` di 3,5 milioni i cittadini europei dell’Unione che vivono nel Regno Unito, per dirla all’inglese,

o meglio i cittadini degli altri stati dell’Unione Europea, per dirla all’europea,

e come si dovrebbe fino a che la decisione di uscire non sara` stata notificata ufficialmente.

milioni di persone la cui vita e` diventata incerta dal 23 giugno.

. . .

il resto del comunicato e` aria fritta, in quanto ribadisce nei dettagli che niente cambia per il momento

e che non e` il caso di fare nulla.

per ora il cittadino di altri paesi europei che abita nel Regno Unito da 5 anni ha il diritto di restarci,

per ora il cittadino di altri paesi europei che abita nel Regno Unito da 6 anni ha il diritto di chiedere la cittadinanza.

non occorre avviare alcuna procedura speciale, consiglia ipocritamente il comunicato.

e invece chi ha il diritto a chiedere la cittadinanza e intende rimanere nel paese e` bene che lo faccia subito,

prima che le regole cambino, ovviamente.

. . .

oserei dire che questo comunicato e` disonesto.

oserei dire che questo comunicato e` un subdolo imbroglio per fregare gli immigrati che sbrigativamente definiro` europei,

visto che il Regno Unito non  si considera piu` tale.

che cosa avreste pensato di un comunicato del governo tedesco del 1938 che avesse detto agli ebrei di restare in Germania,

tanto al momento non erano previsti cambiamenti per loro?

il vero cuore del comunicato inglese sta nel suo terzo periodo,

leggetelo bene:

When we do leave the EU, we fully expect that the legal status of EU nationals living in the UK, and that of UK nationals in EU member states, will be properly protected.

Quando lasceremo l’Unione europea, ci aspettiamo che lo status giuridico dei cittadini dell’UE che vivono nel Regno Unito, e quella dei cittadini del Regno Unito negli Stati membri dell’UE, saranno adeguatamente protetti.

prima di tutto questa adeguata protezione non e` data come garantita,

ma soltanto come un vago auspicio.

in secondo luogo non si dice affatto che queste condizioni dei cittadini dell’Unione Europea rimarranno immutate anche per il futuro.

si dice soltanto men che niente:

ci si aspetta che resteranno protette adeguatamente.

. . .

questo significa una cosa soltanto:

che quei diritti verranno diminuiti e cambiati.

del resto, scusate, quale e` stato il senso del referendum se non proprio questo?

Il Fatto Quotidiano, che ha dato, unico, la notizia in Italia, facendo da velina al governo inglese, si e` pero` lasciato scappare un titolo tremendo,

oltre che falso:

Brexit, Londra rassicura i cittadini Ue:

“Sarete protetti, non deportati da Uk”.

la parola deportazione e` insensata.

ma la parola espulsione no.

. . .

per gli immigrati europei in Inghilterra si apre un periodo di incertezze,

con qualche concreta possibilita` per molti di essere espulsi.

oppure di passare alla condizione di clandestini.

il referendum anti Europa e` stato in realta` un referendum anti-immigrati europei.

una prima anticipazione di una politica sull’immigrazione come quella promessa da Trump negli USA per latinos e islamici.

. . .

la volonta` non detta esplicitamente e` quella di espellere gli indesiderati. 

e la conclusione del comunicato la fa trasparire di nuovo in maniera inconsapevole, proprio mentre la nega:

Come avveniva prima del referendum, i cittadini dell’UE possono essere espulsi dal Regno Unito solo se sono considerati rappresentare una minaccia reale, attuale e sufficientemente grave per il pubblico, se non sono residenti legalmente o se abusano del loro diritto alla libera circolazione.

o linguaggio che non sai nascondere i tuoi segreti!

scrive: i cittadini dell’UE possono essere espulsi solo se considerati una minaccia.

non scrive, no: possono essere espulsi solo quei cittadini dell’UE che sono considerati una minaccia.

. . .

tra gli abusi del diritto alla libera circolazione, dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, ci sara` appunto la libera circolazione stessa, che non sara` piu` possibile?

e` piu` che probabile, a mio parere,

in un mondo dove si vuole che le merci e il denaro abbiano piu` diritto alla circolazione degli esseri umani.

espulsioni: questo e` il sogno egoista della destra mondiale.

Schermata-2015-11-14-alle-18.11.04

. . .

ritengo questa scommessa dei conservatori, fascistoidi anche quando tanto umanitari, totalmente insensata.

ma e` bello che ci provino, no?

e che ci si rompano le ossa.

vediamo se saranno capaci davvero di farle,

visto che credono che sia cosi` semplice riuscirci.


2 risposte a "quanti saranno gli europei espulsi dall’Inghilterra per il Brexit? – 350"

    1. grazie del tuo giudizio, mi conforta molto.

      devo ammettere che e` piuttosto faticoso sforzarsi di restare lucidi e di vedere l’essenziale, in questi tempi pieni di un frastuono orribile.

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.