Amatrice e Bagan: due terremoti – 424

24 agosto 2016:

terremoto nell’Italia centrale; grado 6 della scala Mercalli, epicentro a 4 km di profondita` (il che significa estensione ristretta), 130 morti, centinaia di dispersi (anzi, aggiorniamo i morti a 247, il giorno dopo, purtroppo, e o conto non è finito…).

terremoto nel Myanmar centrale: grado 6,8 della scala Mercalli, epicentro a 25 km di profondita` (il che significa estensione piu` ampia); morti: nessuno; anzi, dopo qualche aggiornamento, 4.

forse qualche danno a qualcuna delle 1.200 pagode medievali di Bagan (delle 4.000 originarie), investite dal terremoto.

. . .

e adesso e` sgradevole dirlo, ma tutta questa pieta` diventa stucchevole.

ognuno ha il terremoto che si merita.

un terremoto del sesto grado in un paese normale, che fa prevenzione antisismica perche` sa di essere esposto ai terremoti, non uccide nessuno.

nella scala Mercalli un terremoto di sesto grado viene descritto cosi`:

Scossa molto forte, percepita da tutti con spavento e fuga all’esterno. Barcollare di persone. Rottura di vetrine, piatti, vetrerie. Caduta dagli scaffali di soprammobili e libri e di quadri dalle pareti. Screpolature di intonaci deboli. Suono di campanelle, stormire di alberi e cespugli.

insomma, in condizioni normali un sesto grado Mercalli non uccide.

. . .

nel 2004 nella zona delle montagne del medio lago di Garda in cui vivo adesso ci fu un terremoto con epicentro nel lago di gradi 5,4 della scala Mercalli: qualche danno, ma nessuna vittima.

(ma io allora ero in Germania e non vissi direttamente questa esperienza).

vero che la scala Mercalli e la scala Richter hanno una impostazione di tipo logaritmico, e non direttamente proporzionale,

e dunque la potenza del terremoto cresce rapidamente nel passaggio da un grado all’altro.

scalarichter-magnitudo

per esempio, un terremoto tra il quinto e il sesto grado produce una energia pari alla bomba atomica di Hiroshima, che era di circa 15 chilotoni, cioe` di 15.000 tonnellate di tritolo.

un terremoto di settimo grado produce una energia di 20 megatoni, cioe` di oltre 1.000 volte piu` potente.

il terremoto che distrusse parte del Friuli nel 1976 e fece quasi 1.000 vittime era di grado 6,4.

. . .

se la prevenzione sismica non si fa, e lo si ripete ad ogni terremoto senza fare nulla, i terremoti uccidono.

e chi elegge sindaci e amministrazioni provinciali e regionali che non fanno nulla, scusate tanto, si merita che il terremoto quando arriva uccida…

magari anche chi la prevenzione anti-sismica l’avrebbe voluta, purtroppo,

e muore innocente perche` in minoranza.

del resto, per fare un esempio, per rilanciare i consumi, come tanto si sospira, sarebbe stato piu` intelligente che Renzi facesse un grande piano nazionale di prevenzione antisisimica e di recupero degli edifici insicuri.

piuttosto che che buttare al vento 80 euro al mese per i redditi medio-bassi.

ma certo in questo modo molti non sarebbero corsi a cambiare la macchina e non ci avrebbe guadagnato Marchionne, ma qualcun altro…

. . .

vivo in una zona sismica, abito in una vecchia casa per niente sicura, ma ora che ho presentato un progetto per sistemarla, il progetto e` stato vagliato da una commissione apposita per valutare la sua efficienza antisismica.

spese in piu` e fastidi in piu`, che ho anche raccontato anche in qualche post, ma almeno la prevenzione si fa.

poi magari qui e` stata solo questione di fortuna, perche` l’epicentro era nel lago.

e la prevenzione non elimina il rischio di morire sotto le macerie per qualche terremoto terribilmente distruttivo.

ma per favore smettiamo di strapparci i capelli se un terremoto potente, ma gestibile, provoca delle morti che sarebbero state evitabili.

magari affidandosi di piu` a valutazioni razionali del rischio che a scongiuri, fatalismo e un pizzico di superstizione per Padre Pio.

. . .

ma allora il Myanmar e` piu` avanti dell’Italia nella prevenzione sismica, se terremoti piu` forti lasciano il paese indenne?

non saprei; certo nessuno dica, per favore, che li` i danni non ci sono perche` la gente vive nelle capanne.

io ci sono stato a Bagan, e non e` vero.

torna buono riguardarsi, tra i molti dedicati a Bagan, questo video per niente turistico del mio viaggio in Myanmar del 2012:

e` un corteo di matrimonio, ma documenta anche la situazione urbanistica del centro della citta`:

povera, ma non primitiva.

. . .

(interessati per caso a dare un’occhiata a qualche altro aspetto della favolosa Bagan attraverso i miei video del 2012?

il modo piu` semplice per arrivarci e` usare questo link e poi scegliere nel lungo elenco che si apre…

. . .

e il link? ah gia`…

https://bortocal.wordpress.com/?s=+Bagan&submit=Cerca)

Annunci

29 thoughts on “Amatrice e Bagan: due terremoti – 424

        1. Anche con altri? A questo punto il gelosamente divento io….😈😅

          Bene, ecco che ho risolto il problema delle faccine sull’Android tedesco, ma non quello delle password dei blog dimenticati.

          Posterò sul vecchio blog, l’unico dove riesco ad accedere…

          E spero di riuscire a ritrovare gli occhiali x poter tornare a casa!!!!😂

          Liked by 1 persona

  1. Ti do perfettamente ragione
    Penso x esempio al campanile che è crollato uccidendo una famigliola con due bambini piccoli. Per quanto antico era stato messo in sicurezza?
    Noi abbiamo in Italia l’abitudine di cercare i colpevoli dico meglio i responsabili sempre altrove !
    Tu sai per esempio quante case a Roma non hanno l’impianto elettrico a norma oppure utilizzano in appartamento bombole a gas per il riscaldamento?
    E quelle belle casette abusive costruite in punti dove costruire non sarebbe permesso?
    I morti ci sono il dolore rimane come rimarrà per anni il disagio di molti e tuttavia “speriamo che noi ce la caviamo”
    Sherabientot

    Liked by 1 persona

    1. cara Shera,

      dopo una vita quasi intera passata a dire queste cose in tutti i modi possibili (mica ci sono soltanto i 10 anni del blog), non senti anche tu un senso di frustrazione nel ritrovarci sempre allo stesso punto?

      Mi piace

    1. mamma mia, e poi quella destabilizzata e poco lucida saresti tu! 🙂

      grazie della segnalazione, ho corretto quell’errore e qualche altra svista, ortografica, ma non solo: non avevo messo il link alla fine, che pure citavo nel testo).

      non dovrei scrivere post quando sono stanco per un pomeriggio di disboscamenti… 🙂

      si aggiunge che ho il pessimo vizio di rileggere il post soltanto al primo segno di attenzione pubblica che riceve.

      ma forse dovrei smettere semplicemente, perche` la mia distrazione cronica si sta aggravando e non e` troppo compatibile col mestiere di blogger, ahhha.

      Liked by 1 persona

      1. O la là… La stanchezza suggerisce quest’ultima considerazione rinuciataria. Siamo incapaci di indifferenza e facciamo errori per troppa passione… perdoniamo noi stessi 🙂
        Credo che lo meritiamo…

        Liked by 1 persona

          1. ho smesso di preoccuparmi quando, vedendo anche altri svampiti come me, ho capito che è una conseguenza dello stare molto in rete, soprattutto come ci stiamo noi che cerchiamo notizie. La mente si riempie di stimoli che a volte si accavallano… Un male della modernità

            Liked by 1 persona

            1. be’, grazie di questa interpretazione tranquillizzante 🙂

              la piglio per scientificamente provata perche` in fondo mi fa comodo… 🙂

              la devo anche raccontare alla pentola che ho lasciato sul fuoco acceso a ora di pranzo coi gnocchetti tirolesi che bollivano, per andarmene bellamente a sonnecchiare… 😦

              mein Gott!!!!

              tutte le mie radici tirolesi in fumo!!! 🙂 🙂 🙂

              Liked by 1 persona

              1. ihhh ihhh le pentole! Io ho una batteria di acciaio marezzato in nero combusto, che non vien più via. Il lato positivo? Mi sono data al crudismo ogni volta che è possibile!!

                Mi piace

        1. in cerca di complimenti? ho capito cosi`, col mio inglese approssimativo…

          e il commento sembra rivolto a me, vero?

          potrei anche dire: perche` no? non fa affatto male qualche complimento qualche volta.

          pero`, sinceramente, non era il mio scopo.

          sto soltanto segnalando una certa crisi di fiducia nel blog come strumento e nel mio modo di servirmene.

          i complimenti tamponerebbero la crisi, ma non credo la risolverebbero.

          devo capire meglio che senso ha questo bisogno di scrivere che comincia a non soddisfarmi piu` del tutto.

          Mi piace

          1. Il blog ‘deve’ servire a noi come nostro punto di riferimento, giocoso o serio(so) ma senza pensare che debba avere riscontri altri.
            Quando poi il blog è serio e circostanziato è necessariamente impegnativo ed allora molti, e mi ci metto anch’io non sono presenti per tanti fattori contingenti uno tra tutti quello del bisogno di fare altro.
            Già una volta ne parlammo.
            Fishing for compliment è una formula americana che vuol dire proprio quello e sai benissimo di non averne bisogno.

            Guarda me ad esempio credi che i relativamente molti commenti determinino un valore aggiunto? No, te lo assicuro anche perchè per me è un di più che non vuole essere sciocco, e credo di riuscirci, ma neppure impegnativo.
            Sunque sai di avere tutto la mia stima, i complimenti non ti servono: se poi ti sei rotto è un0altra storia.
            Sherappiccicosadalcaldomannevitaunabbraccio

            Mi piace

            1. sei sempre straordinaria, Shera, e io sto passando un’estate cosi` fresca che accetterei – per un momento solo! – anche un abbraccio appiccicoso, giusto per ricordarmi com’e`… 😉

              io sono contento della tua stima, e` la mia che per me stesso che vacilla.

              mi sembra di essere diventato un po’ troppo pasticcione; leggo dei blog molto documentati e piu` seri; mi ricordo che un tempo avevo anche io la mentalita` dello studioso e scrivevo giudizi meno azzardati.

              insomma, forse passera`: forse sento soltanto il peso di decisioni personali molto impegnative e anche rischiose che sto prendendo e che mi tolgono concentrazione.

              tu hai definito bene la formula felice del tuo blog, che un poco ti invidio, perche` non e` sciocco e non e` serioso.

              neppure io vorrei essere serioso, salvo qualche volta in cui e` necessario proprio.

              pero` non ho certo la tua leggerezza di tocco.

              e giocoso forse non riusciro` mai ad esserlo del tutto.

              Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...