Vilnius, Lituania: l’inizio della libera visita guidata e la Repubblica di Uzupis – 535

ecco che gia poco prima dell 9, ora dell’appuntamento nella piazza della cattedrale, compare, vestita di rosa, la tagazza che ci fara` da guida per Vilnius la mattina del 23 settembre.

normalmente sono molto contrario, nei viaggi, all’intruppamento in un gruppo: mi pare che limiti la mia liberta` di esplorazione, le guide sono spesso inaffidabili, e i compagni che si incontrano per l’occasione, senza selezione alcuna, spesso fastidiosi o anche silenziosamente antipatici.

in questo caso, invece, tutto e` andato benissimo.

per prima cosa la compagnia, prodigiosamente plurietnica ed interculturale: un ragazzo colombiano, dal sorriso contagioso, Juan David, che stava facendo il giro dell’Europa; un maltese sui quarant’anni, in vacanza; uno spagnolo; un cinese che abita a Stuttgart (il mondo e` davvero straordinario) ed era anche relativamente loquace e perfino sorridente, cosa se volete ancora piu` straordinaria; una coppia di fidanzati polacchi, e qualche altro che non ricordo.

simpatica anche la guida, Vytaute: non ha risparmiato naturalmente di presentarci i luoghi canonici, ma ha avuto sempre una attenzione particolare per gli aspetti meno turistici e anche un poco alternativi di questa citta`, ed e` evidentemente molto legata al suo lavoro, in cui si impegna con attenzione e una sensibilita` che ho trovato molto vicina alla mia.

eccola infatti che ci conduce quasi subito al luogo della vecchia sinagoga principale di Vilnius, distrutta dai nazisti: dei 60.000 ebrei che abitavano la citta` soltanto 1.000 sono sopravvissuti, e la seconda guerra mondiale ha visto in pratica la scomparsa di questo gruppo etnico.

ad altre tragedie seguite con la riconquista russa accenna appena: il regime stalinista perseguitava in particolare gli intellettuali, temendo che potessero essere un punto di riferimento per l’opposizione interna.

ma la cosa di cui saro` sempre grato a Vytaute sara` di avermi portato nella cosiddetta Repubblica di Uzupis (il nome ha qualcosa a che fare con Uropia?), che altrimenti non avrei mai conosciuto.

Uzupis e` un quartiere appena fuori dal centro di Vilnius, e ci si arriva superando un corso d’acqua, poco prima della sua confluenza nel piu` grande fiume della citta`.

e` il quartiere trasgressivo, artistico e un poco sbindone di Vilnius.

si e` ironicamente proclamato repubblica indipendente e ha persino una propria Costituzione, scritta in varie lingue, anche in italiano.

pare che non ci sia in corso nessun referendum per cambiarla:

infatti non si ritiene affatto la piu` bella costituzione del mondo, e si accontenta di prendere in giro spiritosamente le altre.

la si trova su grandi pannelli, un poco come la Costituzione tedesca a Berlino, vicino al Reichstag, sulla riva di una canale.

ve la presento, ma prima ancora che la guardiate, vi sottolineo l’art.9:

Ogni uomo ha il diritto di essere pigro e di oziare.

in ogni caso, eccola completa, nei suoi 41 articoli, prima di passare ai due videoclip di oggi:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

credo che sia facile capire, adesso, perche` Vilnius e` una citta` che conquista.

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...