Trump: la storia, la farsa, la nemesi storica – 539

parlando di Napoleone I e di Napoleone III Marx disse, un poco sul serio e un poco per scherzare, che la storia ha la tendenza a ripetersi: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa.

essendo una mezza sciocchezza, la frase ha avuto un enorme successo, come tutte le banalita` dette un poco pomposamente.

e che dire allora di Berlusconi e Trump?

Berlusconi viene prima, ma e` stato sicuramente una farsa.

questo potrebbe dire che Trump ci mostrera` il lato tragico del miliardario al potere?

. . .

per non essere italianamente provinciali, occorre ricordarsi pero` anche di Thaksin e delle tumultuose vicende politiche di questo berlusconi thailandese populista, come lui padrone assoluto delle televisioni del suo paese.

download-2

Thaksin: che storia, che tragedia, che farsa.

dalla vittoria alle elezioni del 2001 alla destituzione nel 2006, seguita dall’esilio;

dal ritorno al potere con le elezioni del 2007 allo scioglimento del suo partito e alla sua esclusione dalla vita politica per cinque anni, decisi dalla Corte Costituzionale thailandese nel 2008,

seguita da un nuovo esilio e dalla cittadinanza del Montenegro concessagli nel 2010;

dagli scontri di piazza fra esercito e le camicie rosse, i suoi sostenitori, nel 2010, alle elezioni del 2011, col trionfo della sorella di Thaksin;

dalla destituzione di questa nel 2014, sempre da parte della Corte Costituzionale, al successivo colpo di stato militare.

e all’esilio che continua…

. . .

insomma, questo bignamino di storia thailandese degli ultimi anni per dire che Trump e` soltanto il terzo esempio recente di un miliardario cresciuto nel mondo dei media e salito al potere con slogan populisti efficacemente costruiti in base alla conoscenza professionale delle correnti dell’opinione pubblica nel proprio paese.

gli altri due precursori di Trump non sono stati fortunati e hanno aperto la strada a forti periodi di instabilita` politica e ad interventi dall’alto per eliminarli dal potere (Presidenza della Repubblica, Corte di Cassazione, Corte Costituzionale, esercito, a seconda dei casi).

la cosa non mi pare di grandissimo auspicio per gli Stati Uniti d’America.

si sono andati ad infilare in una situazione simile.

ma la cosa sembra inevitabile quando le tradizionali forze politiche non riescono piu` a rappresentare veramente il popolo.

. . .

ed ecco ora un neo-presidente americano, Trump, che politicamente appare piu` debole di Thaksin, eletto sempre in modo plebiscitario, e di Berlusconi, che ebbe un consenso sempre molto discusso anche nei brevi periodi in cui era maggioritario.

Trump ha avuto meno voti della Clinton, ma anche di Berlusconi nei suoi periodi d’oro.

come quest’ultimo nel 1994, e` arrivato al potere come un outsider che ha sconvolto incredibilmente tutti i giochi,

ma anche per il concorso di circostanze quasi casuali e potremmo dire per il rotto della cuffia, se non fosse frase cosi` fuori posto per un argomento cosi` serio.

pero` Trump ha a suo favore il forte vento di una rivoluzione culturale New Age con le sue basi in internet, di cui sara` bene parlare meglio e piu` a fondo un’altra volta.

. . .

non so se c’entra molto, ma in Italia un quasi contemporaneo di Marx, un letterato di provincia astuto e sagace, arrivato fino alla docenza universitaria e al Nobel, poi croce e tormento di centinaia di migliaia di studenti per un secolo almeno, Giosue` Carducci, invento` in quegli anni il concetto di nemesi storica.

lo fece a proposito di Massimiliano d’Asburgo, fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe, fucilato nel Messico nel 1897, quasi a vendicare il genocidio degli Atzechi.

download-1

il concetto ha il sapore di una battuta macabra recitata a un tavolo d’osteria e mal si differenzia dall’esclamazione se lo sono meritato.

non puo` essere preso sul serio piu` della battuta di Marx sulla storia che diventa farsa.

quindi non varrebbe neppure la pena di parlarne, se non fosse per questa domanda:

e se Trump fosse per gli USA la nemesi storica per l’appoggio da loro dato per vent’anni a Berlusconi?

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...