Berluscogentiloni: breve storia della terza repubblica – 584

ecco la storia in sintesi della terza repubblica.

la terza repubblica e` stata sostanzialmente ed e` ancora, molto precariamente, una repubblica presidenziale.

dove pero` il presidente non e` eletto dal popolo ma dal ceto politico.

e` durata sinora 5 anni, ma sta cercando di durare ancora.

. . .

Berlusconi novembre 2011: fine della seconda repubblica e dei governi che corrispondono agli esiti delle elezioni; in questo nasce di fatto la terza repubblica.

nasce in una situazione di emergenza e con un consenso quasi universale.

Monti 2011-2013: l’emergenza finanziaria sta travolgendo il paese e il primo governo del Presidente della Repubblica viene votato dal parlamento in modo quasi unanime.

anche da Berlusconi stesso, che in seguito cerchera` di farlo dimenticare, parlando ossessivamente, ma senza fondamento alcuno, di colpo di stato contro di lui.

gennaio 2013: la Corte Costituzionale avvalla i poteri da monarca assoluto del Presidente della Repubblica e ordina la distruzione delle intercettazioni telefoniche che lo avevano indirettamente coinvolto;

da quel momento il presidente della repubblica Napolitano, del resto figlio illegittimo di Umberto II di Savoia, viene chiamato re Giorgio.

elezioni febbraio 2013: votazioni incostituzionali, ma danno, all’interno delle loro regole, vittoria parziale a Bersani.

Bersani pero` non riceve mai dal presidente della repubblica l’incarico di formare il governo,

ma solo un mandato esplorativo, che si risolve in un nulla di fatto.

aprile 2013: il parlamento rielegge a larghissima maggioranza Napolitano-re Giorgio presidente della repubblica.

maggio 2013: governo Letta, nuovo governo del presidente.

gennaio 2014: la Corte Costituzionale dichiara illegittima la legge elettorale, ma non impone l’immediato scioglimento del parlamento, facendo riferimento all’emergenza,

cioe` ad una proroga delle sue funzioni per una breve durata.

febbraio 2014: congiura di palazzo e nuovo governo del presidente: Renzi.

portato al potere dal presidente della repubblica re per cambiare la Costituzione:

l’equivalente di un colpo di stato.

2014-2016: Renzi lavora alla nuova legge elettorale e alla riforma della Costituzione:

sotto la regia di Napolitano costruisce (molto malamente) l’impalcatura costituzionale ed operativa della terza repubblica.

gennaio 2015: dimissioni del presidente-re ed elezione del nuovo presidente della repubblica scelto da Renzi:

il re travicello Mattarella, dopo la congiura nell’ombra che affossa la candidatura di Prodi.

Renzi agisce gia` come il capo di fatto della nuova repubblica presidenziale che sta costruendo.

dicembre 2016: referendum e chiaro pronunciamento popolare contro la terza repubblica, bocciata dal 60% degli elettori.

dicembre 2016: quarto governo del presidente; la terza repubblica prova a continuare, con Gentiloni, anche senza l’appoggio popolare.

. . .

intanto la stampa di regime definisce accozzaglia la maggioranza degli italiani.

la richiesta costituzionale di potersi scegliere liberamente i rappresentanti viene attribuita, in un blog filo-renziano, al popolaccio.

sul Corriere di ieri Panebianco spiega al medesimo che e` normale in tutti i paesi del mondo che siano i partiti politici a scegliere i candidati;

si dimentica pero` di dire che in nessun paese del modo i partiti politici pero` scelgono in questo modo anche gli eletti,

salvo forse in Corea del Nord;

del resto Scalfari ha appena spiegato ai democratici lettori di Repubblica che il funzionamento normale della democrazia e` l’oligarchia.

. . .

dicembre 2016: il nuovo governo Gentiloni diventa subito un governo Berluscogentiloni.

berlusconi-gentiloni-857783

Annunci

2 thoughts on “Berluscogentiloni: breve storia della terza repubblica – 584

  1. Uno scadenziario da brividi…
    E ricordo quella diretta con Bersani trattato dalla Lombardi con un’arroganza intollerabile “mi sembra d’essere a Ballarò…” .
    Di dirette in seguito se ne è fatta soltanto una, con Renzi che ormai aveva già quasi il fondo schiena sulla sedia…

    Mi piace

    1. rimettere in fila i ricordi guardando i fatti vissuti con un minimo di stacco mentale.

      e` l’operazione che parte dalla memoria e porta alla storia.

      se ogni tanto non si fa, non si riesce ad arrivare ad una visione d’insieme di quello che e` accaduto.

      🙂

      Liked by 1 persona

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...