esame di coscienza statistico 2016 di un blog che invecchia – 9

l’esempio di MAKTUB sul suo blog mi fa riflettere che, in mancanza dei tradizionali dati statistici di fine anno che wordpress ci inviava automaticamente, non e` male voltarsi indietro alla pagina del blog dedicata alle statistiche.

e dare un’occhiata a come e` andato l’anno passato.

. . .

dato che questo mio blog e` nato a fine 2015, io devo guardare, per poter fare un confronto, alla sua versione precedente, Cor-pus.

era stata chiusa a fine 2015, e nel 2016 ha visto pubblicati soltanto sei post, e solo per motivi organizzativi (non riuscendo, dalla Germania, a postarli qui):

eppure ha avuto nel 2017 ancora 29.347 visitatori, con 37.180 contatti.

l’anno precedente, il 2015, a blog attivo fino a fine novembre, i visitatori erano stati poco di piu`, 34.185, ma ben piu` numerosi (circa il doppio) i contatti: 73.975.

in ogni caso il numero dei dei contatti del blog Cor-pus e` progressivamente diminuito dopo il 2012, anno di suo massimo successo su wordpress:

allora c’erano stati 114.817 contatti, anche se soltanto di 3.870 visitatori, con una media di quasi 30 contatti per visitatore.

. . .

ho introdotto questi dati perche` mi pare indichino un primo livello da dare per scontato:

una specie di zoccolo duro di lettori occasionali garantito dal numero elevato dei post e dalla varieta` dei loro temi;

contatti di routine, direi, per un blog che tocca vari argomenti e in cui si puo` facilmente finire anche per sbaglio.

ad esempio, solo in questi primi 8 giorni del 2017 Cor-pus ha avuto 705 visitatori e 859 contatti: 10 dal Vietnam, 4 dall’India, 3 dall’Indonesia  e 3 dal Myanmar: effetto dei miei viaggi.

tralascio i dati degli altri tre blog collegati a a cor-pus, anche perche` non disponibili.

. . .

cor-pus15, invece, nel 2016 ha avuto 10.215 visitatori e 32.009 contatti per 809 post.

se il confronto viene fatto con il blog Cor-pus nel 2015, si vede che i visitatori si sono ridotti a meno di un terzo e i contatti a meno della meta`.

dunque, nel 2016 i numeri di questo blog attivo sono inferiori a quelli del blog di fatto chiuso.

anche in questi primi 8 giorni corpus15 e` ad un livello appena inferiore a quello di Corpus: 691 contatti (rispetto a 859) e 204 visitatori rispetto a 715.

insomma: una diagnosi impietosa su una diffusione decisamente in calo.

. . .

difficile, comunque, ricavare delle indicazioni precise.

a me pare che il blog sia in una grave crisi come strumento comunicativo.

e` passato di moda: come diceva di recente Krammer, e` stato soltanto uno strumento di passaggio verso social piu` evoluti, ma anche piu` individualistici, dico io.

vedo che moltissimi blog sono stati chiusi negli ultimi tempi o stanno scivolando via via verso l’inattivita`.

lo spirito di comunita`, ancora vivo fino a poco tempo fa, si e` quasi completamente dissolto.

She Said blog

. . .

personalmente pero` non vedo affatto venire meno l’esigenza di una  riflessione in pubblico sul mondo,

ma mi rendo conto che sa diventando sempre piu` difficile:

lo sconforto, l’ignoranza, l’abbandono, la depressione agiscono contro.

a volte aggrediscono anche me, che reagisco a mia volta con difficolta` e pena.

a volte mi dico: che mi importa se molti blogger che ti leggevano sono scomparsi?

si scrive per una necessita` e per un dovere, che non dipendono dal numero dei lettori.

pero` dico anche a me stesso che questa e` una motivazione molto bassa.

e ne risente per prima la scrittura stessa del blog, non piu` guidata da un vivo entusiasmo.

. . .

insomma, invecchiamo, ed invecchia anche il blog,

forse perfino piu` in fretta di noi.

Annunci

14 thoughts on “esame di coscienza statistico 2016 di un blog che invecchia – 9

  1. Per niente d’accordo 😉
    1- certo che ho l’esperienza di piattaforma chiusa! Panoramio, Ma una mattina di brina non fa inverno ahh ahha Non credo proprio che wordpress chiuderà, e poi niente impedisce a chi scrive molto come te di trasformarlo in un sito
    2- l’utilità… Tutti i gli articoli tuoi che hai elencato, per esempio, SONO utili e pure altri.
    3- non si può certo sperare di esser l’unico ad aver affossato la deforma, nessuno poteva esserlo. tu hai egregiamente partecipato all’opera, e non puoi sapere quante volte dalla lettura di un singolo le idee attraverso di lui hanno camminato verso molti altri.
    🙂

    Liked by 1 persona

    1. grazie, commento nell’insieme utile e azzeccato.

      solo un piccola puntualizzazione.

      anche io ero, malamente e provvisoriamente su panoramio, ma la sua scomparsa mi ha lasciato praticamente indifferente, forse perche` l’avevo vissuto poco intensamente.

      ma le foto comunque ti restano, quando scompare un sito di fotografie, perdi i commenti, ma in fondo erano un accessorio.

      la scomparsa di una piattaforma intera non significa soltanto le migliaia di post miei, che ho comunque recuperato al 99,99% con un lavoro di mesi, ma decine di migliaia di commenti, recuperati soltanto in parte.

      ma poi sono scomparsi gli interlocutori, i tuoi commenti da loro: e` come se fosse scomparso un pianeta intero….

      anche io suppongo che tutti miei articoli possano essere utili a qualcuno, almeno potenzialmente, altrimenti non li scriverei; e` un poco beffardo notare che i piu` letti sono quelli che spiegano come non pagare l’abbonamento tv o simili.

      comunque cerchero` di adeguarmi, ora che lo so, visto che un blog lo fa chi lo legge e commenta piu` che chi lo scrive.

      infine, non credo che abbiamo realmente capito perche` gli italiani hanno bocciato Renzi al referendum, anche se i nostri post sparsi dappertutto alla fine hanno fatto tendenza.

      ho letto di recente una interpretazione che mi ha lasciato a bocca aperta, ma probabilmente ci ha azzeccato: guardando la distribuzione dei NO e la loro netta prevalenza al sud, metteva in relazione i NO con l’unica decisione giusta di Renzi almeno nell’ispirazione (non nella realizzazione pasticciata): la tassa RAI fatta effettivamente pagare.

      e, suggeriva, gli elettori l’hanno fatta pagare a lui.

      dicendolo tra parentesi, l’idea di dover pagare una tassa per sorbirsi la propaganda di sistema a me pare davvero splatter…. “)

      Liked by 1 persona

      1. eh .. la maggior parte della gente cerca l’utilità pratica.. In fondo il mondo si divide come nel romanzo si Hesse Il gioco delle perle di vetro. Il mondo ristretto degli amanti del sapere e il vasto mondo esterno..
        Per te lo so, perdere quel blog è stato perdere una dimensione, un ambito di spiriti affini, a volte fieramente dissonanti ma anche per questo attraenti
        Per Panoramio, che avevo abbandonato avendo smesso di fotografare, avevo affezione. Vero che le mie foto sono state salvate ma non hanno salvato quelle che avevo messo come favorite, quelle volevo, le mie le avevo già, nè i contatti. Anche là si creavano delle sintonie. E’ stato “ucciso” dagli smart, pure lui. Clic, share, whatsapp, invia agli amici… Mordi una labile ammirazione e fuggi. Oppure so che molti si chiudono nell’instagram… Non è amore per la fotografia, è solo un altro palcoscenico per il proprio ego.

        Mi piace

        1. si`, hai ragione e hai spiegato bene: la differenza sta tutta nel modo in cui tu hai vissuto QUELLA piattaforma.

          piuttosto mi colpisce quello che dici sull’avere tu smesso di fotografare…

          indipendentemente dal pubblicare o no le proprie foto (io, potra` sembrare incredibile, la maggior parte non le pubblico), come mai hai smesso di farne? se posso chiedere…

          Liked by 1 persona

          1. Pigrizia, credo, e sfortuna per una serie di: smarrimento della macchina, due sostituzioni deludenti, nessun viaggio interessante da ricordare..
            E poi: piena consapevolezza che non ero brava!! 🙂

            Mi piace

            1. e io che ho perso o distrutto 5 macchine fotografiche in 5 mesi durante il roundtheworld?

              e per inciso ho quasi finito di distruggere anche la nuova fotocamera di due anni fa…

              piuttosto, ho notato anche io una correlazione molto stretta tra la qualita` della macchina, la qualita` delle foto e la voglia di fotografare…

              questo per dire che, se ti regali una bella macchina, forse torna anche la volgia di fotografare. 🙂

              a quanto ricordo, le tue foto peraltro non erano per niente male. e neppure i video.

              Mi piace

              1. Per me c’è anche il fattore peso… ho sempre usato compatte perché sono leggere. Penso a te che hai fatto il giro del mondo con macchine, computer, bagaglio personale …. Muscoli invidiabili 🙂

                Mi piace

                1. effettivamente, il fattore peso e` stato un grosso problema del mio rountheworld; e tu pensa che la meta` dei 25 chili distribuiti in due pezzi, un trolley e una borsa, che dovevo portarmi dietro (e ci sono state giornate in cui me li sono dovuti portare con me tutto il giorno) era formato dalle guide turistiche.

                  praticamente ero come un alpino in marcia estiva, ahha.

                  se mai ci sara` un secondo round, penso che fotografero` tutte le guide prima di partire e me le terro` su una schedina: i figli mi avevano in effetti regalato un kindle, ma poi non avevo trovato scaricabili le guide che volevo; inoltre spesso mi sono trovato in luoghi privi di connessione internet, e quindi come avrei fatto?

                  pero` la fotocamera in questo contesto non si poteva dire che pesava proprio…

                  quanto a muscoli non ne ho proprio, ma e` vero che – a sorpresa – le mie poche fibre muscolari raggiungono una efficienza pari al 98% del massimo teorico in un essere umano (paragonato a Fausto Coppi, dal medico che mi faceva l’esame, ahha).

                  questo mi ha spiegato molte cose della mia vita, ma purtroppo l’ho saputo solo piuttosto tardi, verso i cinquant’anni, facendo degli esami clinici per scoprire i motivi delle mie irregolarita` cardiache.

                  Liked by 1 persona

    1. ma dai! che bel pensiero, firdis, un abbraccio.

      e buon anno a te, firdis!

      questo file mi restituisce proprio il blog nella sua fisicita` virtuale, se posso dire cosi`, col suo aspetto e la sua vita da blog.

      anche se sto lentamente ripubblicando i blog di allora, giorno per giorno, dieci anni dopo, per quanto sono riuscito a salvarne, questa e` un’altra cosa.

      e proprio poco fa ho ancora parlato mentalmente con te in uno scambio di commenti del 10 gennaio 2007, chiedendomi che cosa avessi nella testa per esprimermi cosi` male…
      https://corpus0blog.wordpress.com/2017/01/09/009-07-ad-ma-forse-la-parola-giusta-era-9-gennaio-2007-bortologia-2/

      Mi piace

  2. Concordo con moltissime tue riflessioni, desidero solo spezzare una lancia per Corpus15 ricordando che il suo scrigno è assai meno ricco di post di quello di Cor-pus. La quantità genera contatti, infatti ricordo che quando lo paragonavi al precedente in blog.it notavi che proprio a quest’ultimo …. le visite continuavano a “crescere le unghie come al morto”.
    Ragioniamo dunque sulla sopravvivenza di quello che mettiamo in rete: c’è un breve termine, ma anche un medio, chissà forse un lungo termine per i nostri post. 🙂
    Complimenti, e buon proseguimento

    Liked by 1 persona

    1. lungo termine? forse ti manca ancora (per fortuna) l’esperienza traumatica della cancellazione di una intera piattaforma blog.

      del resto, la eventuale sopravvivenza di quel che scriviamo o produciamo la decidono gli altri, non noi.

      buon proseguimento, allora, al tuo blog, ben piu` utile del mio.

      a proposito, visto che tu lo hai scritto dei tuoi post, vuoi sapere quali dei miei hanno avuto piu` successo?

      brexit per finta? l’art. 50 del Trattato di Lisbona – 318 2.196 contatti

      Diritti delle minoranze e statuto delle opposizioni, – la deforma-Costituzione renzina, artt. 64, 65 e 66 – 255 977 contatti

      RAI: disdetta maledetta, senza busta – 225 789 contatti

      questi sono i miei post piu` letti; gli altri seguono a notevole distanza:

      Unico! l’INPS e il CUD telematico del 2016 – 175 214 contatti

      il referendum, arma di distrazione di massa – 532 154 contatti

      (fra l’altro il successo di questo post continua, in modo per me abbastanza inspiegabile: ha avuto un’altra cinquantina di contatti in questi primi giorni del 2017, ma forse diende solamente dalla formula scelta per il titiolo)

      la chemioterapia e` un obbligo? – 440 139 contatti

      e infine la deforma-Costituzione renzina. manuale per difendersi dai Testimoni di Renzi ha avuto 127 contatti.

      sono arrivato fino a qui, giusto per dimostrare che se Renzi ha perso il referendum sulla Costituzione, il merito non e` mio!

      insomma, l’aspetto che procura piu` contatti al mio blog e` quello dell’informazione sui problemi della burocrazia quotidiana.,..

      Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...