il nostro debito con l’Europa – 27

“L’indebitamento pubblico è negativo.

È un impoverimento, è una tassa sulle generazioni future, ci rende dipendenti dalle fluttuazioni dei tassi e crea diseguaglianze.

Ogni euro dedicato al rimborso del debito è uno in meno per la giustizia, la sicurezza, la prevenzione dei terremoti, la protezione delle frontiere”.

Pierre Moscovici, commissario dell’Unione Europea agli Affari monetari

a me pare che questo discorso non faccia una grinza.

. . .

sara` che sono di una generazione alla quale si insegnava negli anni Cinquanta il valore del risparmio fin dalle elementari, e ci regalavano un libretto bancario per insegnarci a mettere il soldino da parte.

ma forse anche i giovani d’oggi sarebbero contro il debito se capissero che e` il debbito del passato che li tiene senza lavoro per gli interessi da pagare che soffocano l’economia.

piu` tardi l’etica comune e` cambiata, e risparmiare  ha cominciato a diventare qualcosa di sordido e di anti-sociale

– anche se il risparmio e` un valore indicato in Costituzione.

e` apparsa la carta di credito per far guadagnare due volte:

la prima a chi ti vende le merci,

la seconda a chi ti presta i soldi per comperarle.

. . .

ah, ma Keynes…

Keynes, l’icona stravolta della sinistra filo-debito.

Keynes ha detto qualcosa di sensato: che anche se sei indebitato, fare qualche debito in piu` puo` non essere sbagliato, ma soltanto se ti indebiti per produrre di piu`.

se fai debito invece per continuare a consumare senza guadagnare abbastanza, rovini il tuo futuro e quello dei tuoi figli, a cui restera` il tuo debito da pagare.

i giovani italiani di oggi sono rovinati dai debiti fatti dai loro padri e nonni, lo sanno questo?

download-1

ma vorrei anche dire ben chiaro che nessun debito pubblico esisterebbe se le grandi ricchezze fossero tassate in modo progressivo, come richiede la Costituzione.

. . .

quindi smettiamo di dire idiozie sull’Europa, per favore.

l’Unione Europea sta soltanto cercando di tenere sotto controllo il debito dei suoi membri.

un piccolo argine allo strapotere della finanza internazionale, perche` e` il debito che la alimenta.

e` l’interesse del feudalesimo finanziario alimentare il debito,

cioe` le nuove catene feudali che sottomettono i popoli alla finanza internazionale

e trasformano via via il lavoro salariato in una corvee al loro servizio.

. . .

controllare il debito, e in particolare quello destinato ai consumi, e` quello che gli stati membri dovrebbero fare anche da soli, se avessero cervello.

esattamente la politica economica OPPOSTA a quella fatta da Renzi, che ha ridotto in tre anni di nuovo il paese in ginocchio.

come prima, con lo stesso tipo di politica, aveva fatto Berlusconi.

ma la demagogia impazza e non ha colore:

sinistra, destra, grillini sono varianti della stessa negazione della realta`.

una realta` che si chiama Unione Europea ed euro.

non li ringrazieremo abbastanza di esistere

e di tenere a freno i vari Maduro psuedo-venezuelani

che aspettano soltanto di distruggere il paese a forza di proclami insensati.

. . .

e` questo il vero debito che abbiamo con l’Europa:

per non parlare degli enormi prestiti della Banca Centrale Europea che ci stanno tenendo in piedi.

un debito di gratitudine e di riconoscenza.

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...