immigrati senza cittadinanza, bambini palestinesi, europei nella brexit e multinazionali in Svizzera (da leggere e da non leggere 4) – 72

DA NON LEGGERE

che cosa leggere oggi sui giornali italiani online?

le convulsioni del Partito Democratico che ci lasciano soltanto la scelta di capire se TUTTO il partito diventera` il quarto o il quinto partito populista italiano, restando sotto la guida di Renzi, oppure se Renzi sara` costretto a farne uno suo diverso?

del resto non pare che Marchionne, scopertosi trumpista dopo le elezioni, abbia ancora bisogno di un Renzi democratico.

ora gli serve un renzi trumpista,

nel doppio possibile senso dell’espressione.

. . .

DA LEGGERE

un raro articolo di Repubblica pone in evidenza lo scandalo dei bambini nati in Italia da genitori stranieri: non possono avere la cittadinanza italiana fino a 18 anni, mentre il parlamento non si decide a fare una legge per loro.

l’articolo, pur se positivo, cita, per fare simpatia, Toto Cotugno, Facebook e chiude parlando di calcio e di nazionale:

avranno ragione loro, evidentemente siamo un popolo di minorati

http://www.repubblica.it/solidarieta/2017/02/13/news/storie_migranti_legge_cittadinanza_italiani_senza_cittadinanza_senato-158190706/?ref=HREC1-13

. . .

per trovare informazione vera e pulita bisogna andare sui blog, e i blog a loro volta traducono la stampa straniera, ben piu` professionale e seria di quella nostrana.

mcc43 traduce un articolo di Sarah Champion, deputata laburista alla Camera dei Comuni del Regno Unito, pubblicato dall’Huffington Post – ma non dalla sua edizione italiana.

e` una testimonianza sconvolgente che dovrebbe essere assolutamente letta:

Bambini di Palestina processati dal tribunale militare di Israele

https://mcc43.wordpress.com/2017/02/13/bambini-di-palestina-processati-dal-tribunale-militare-di-israele-sarah-champion/

israel-child-abuse

. . .

per parte mia segnalo un articolo dello Spiegel sulla brexit:

http://www.spiegel.de/wirtschaft/soziales/brexit-firmen-in-grossbritannien-fehlen-bereits-jetzt-eu-auslaender-a-1134359.html

come semplice effetto del referendum di giugno sulla brexit, alle ditte inglesi comincia a mancare manodopera qualificata europea:

il numero di cittadini europei che hanno trovato lavoro nel Regno Unito nell’ultimo trimestre del 2016 e` aumentato di 30.00 unita`.

potrebbero sembbrare molti, ma sono poco piu della meta` dei trimestri precedenti.

e in alcuni comparti la carenza si fa gia` sentire.

. . .

be’, non era questo che volevano i fautori della brexit? eccoli accontentati.

se ti chiudi all’immigrazione, ti chiudi anche all’apoporto di nuove intelligenze.

e` il trionfo programmato dell’ignoranza delle piccole patrie da preferire all’intelligenza mondiale.

che fa paura alla maggioranza degli stupidi,

ma costa a lungo andare: eccome, se costa…

Attualmente lavorano nel Regno Unito 2 milioni e 250.000 abitanti di altri stati dell’Unione Europea.

. . .

infine l’esito a sorpresa di un referendum svizzero che ha respinto la proposta del governo di eliminare il trattamento fiscale di favore di cui godono le multinazionali nel paese: 

OCSE e Unione Europea chiedevano di aumentare le tasse a loro carico

e il parlamento proponeva di equipararlo a quello delle imprese nazionali.

attualmente le multinazionali pagano il 7,8% dei profitti, circa la meta` rispetto alle ditte svizzere.

ma occupano 150.000 persone e potrebbero ritirarsi dal paese, cercando altri paradisi fiscali.

ecco dunque che il referendum e` stato vinto dai partiti della sinistra svizzera, schierati dalla loro parte.

. . .

paradossale no?

ma il governo proponeva, in cambio dell’aumento formale delle tasse, di riconoscere detrazioni fiscali per le spese di ricerca.

la sinistra obiettava che alla fine sarebbe toccato ai cittadini subentrare alle multinazionali per le tasse non piu` pagate.

a questo punto l’Unione Europea e altri paese OCSE potrebbero decidere in via del tutto teorica di non riconoscere piu` le tasse pagate in Svizzera e di tassare le multinazionali nei loro paesi.

provocando cosi` comunque il loro ritiro dalla Svizzera.

https://www.investireoggi.it/economia/le-multinazionali-svizzera-non-sanno-ancora-gioire-del-risultato-del-referendum/

. . .

ma il problema non appare facilmente risolvibile:

come si vede il nuovo feudalesimo finanziario transnazionale si garantisce un trattamento fiscale scandalosamente basso rispetto alle tasse pagate dai comuni mortali, ed e` in grado di ricattare i piccoli paesi per mantenerlo.

l’argomento e` interessante perche delinea nettamente il futuro dell’Inghilterra della brexit, che intende porsi sulla stessa strada della Svizzera.

Annunci

4 thoughts on “immigrati senza cittadinanza, bambini palestinesi, europei nella brexit e multinazionali in Svizzera (da leggere e da non leggere 4) – 72

  1. alla fine questo post, che sembra divagare da un argomento all’altro, senza un filo comune, e` invece una riflessione molto compatta proprio sul problema del mondo oggi, dei suoi equilibri di potere e delle sue prospettive.

    anche i bambini palestinesi ne fanno parte: sono i corpora vilia sui quali si sperimentano e si mettono a punto le tecniche di controllo e di repressione che a breve dovranno essere applicate molto piu` ampiamente.

    non a caso il muro di Palestina e di gaza diventa il muro del Messico o quello costruito da Orban ai confini dell’Europa.

    stiamo andando verso un pianeta concentrazionario, mi pare.

    per questo era centrale citare l’articolo che hai tradotto.

    Mi piace

  2. Questa notizia svizzera contiene proprio il nocciolo della globalizzazione “come si vede il nuovo feudalesimo finanziario transnazionale si garantisce un trattamento fiscale scandalosamente basso rispetto alle tasse pagate dai comuni mortali, ed e` in grado di ricattare i piccoli paesi per mantenerlo.”

    ps. grazie (anche) per i bambini palestinesi

    Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...