scoperto un nuovo continente: le fakenews dei grandi media ufficiali – 83

“Questo animal si chiama il Giornalista”

Ugo Foscolo

del resto il giornalismo come arma servile di ricatto politico e` stato inventato in Italia nel Cinquecento, prima ancora ce nascessero i giornali veri e propri, e il primo vero giornalista della storia fu Pietro Aretino.

celebre per diffamazioni e ricatti, oltre che per scandali inventati.

a lui si ispirano i vari Feltri, Sallusti e forse persino un poco anche Travaglio, lui senza saperlo.

. . .

fa veramente morire dal ridere sentire i gazzettieri (come li avrebbe chiamati appunto il Foscolo) che scrivono, sui loro fogliacci di propaganda prezzolata, contro la libera informazionde del web.

sul web girano indubitabilmente un sacco di bufale;

ma e` una bella impresa sapere se ne girano di piu` li` o sulla carta stampata

– che comunque oramai e` web anche lei.

. . .

mi tolgo qualche sassolino dalla scarpa.

anche piccolino piccolino.

sentite questa di ieri sul Corriere:

SCIENZA 

e la chiamano scienza, gli spudorati!

Scoperto nuovo continente«È la Zealandia, sommersa al 94%»

L’area di circa 5 milioni di chilometri quadrati è un blocco continuo e separato di crosta terrestre e si trova nell’Oceano Pacifico. La Nuova Zelanda è la sua terra emersa più importante.

la grande novita` del momento, la scoperta di un continente nuovo addirittura, il settimo, che il Corriere annuncia ai suoi lettori stupiti, i lettori di questo blog la sapevano gia` da tempo, volendo:

ma la seconda cosa che ho imparato e` che, non so voi, ma io ho sempre visto la Nuova Zelanda come una specie di appendice dell’Australia che si era staccata da lei nella deriva dei continenti, finendone ben distanziata.

niente di piu` sbagliato dal punto di vista geologico: lo sapevate che la Nuova Zelanda e` la piccola parte emersa di una piu` grande zolla terrestre che rappresenta in micro-continente a se stante?

io no di sicuro.

quando Gondwana, il megacontinente originario, comincio` a spezzarsi, la Nuova Zelanda era collegata alla zolla antartica, di cui rappresentava la parte meridionale, mentre l’Australia ne era la parte nord-orientale e comincio` a separarsene 100 milioni di anni dopo.

nelle decine di milioni di anni successivi le due zolle se ne andarono per conto proprio e finirono per avvicinarsi vagamente, ma questa storia spiega come mai in Nuova Zelanda vi fossero una flora e una fauna originaria molto diverse da quelle dell’Australia.

infatti la Nuova Zelanda si separo` da Gondwana prima che cominciassero a nascere i mammiferi e ne era completamente priva; l’Australia se ne stacco` dopo, all’inizio del processo di formazione dei medesimi, ed ecco perche` in Australia ci sono i marsupiali, totalmente assenti in Nuova Zelanda.

c’era il moa gigante, invece, una specie di emu`, quasi, alto tre metri, che aveva tentato di andare ad occupare la nicchia ecologica dei dinosauri, ed estinto forse addirittura solo poco piu` di un secolo fa.

SCOPERTE SULLA NUOVA ZELANDA AL MUSEO DI AUCKLAND – MY ROUNDTHEWORLD N. 67 – 550.    ·

per il semplice motivo che e` senso comune in Nuova Zelanda e da decenni che il paese fa parte di una piattaforma continentale diversa da quella australiana, e per larga parte sommersa.

nessuna scoperta strabiliante, dunque.

ho perfino pubblicato in video una ricostruzione della deriva dei continenti, proiettata li`, che descrive chiaramente questo fatto:

https://www.youtube.com/watch?v=v9T5nKlhgbk

ma quest’altro e` un video ufficiale, fatto molto meglio, direttamente del Museo di Auckland, che presenta il continente di Zealandia:

e basta digitare Zealandia con google, per scoprire quanto l’esistenza di questo continente semi-sommerso sia senso comune, ma forse fuori dell’Italia soltanto.

e lo poteva fare anche la giornalista, no?

download-1

quella del Corriere dunque e` solo una fake new, perche` il continente in piu` nel 2017 l’ha scoperto soltanto la giornalista che prima non lo sapeva…

. . .

ma noi continuiamo a consolarci con i versi satirici che Foscolo dedicava a questo o quel giornalista ridicolo:

Tu se’ mezzo critico,

mezzo sacro dottor, mezzo ellenista

mezzo spartano, mezzo sibaritico,

mezzo poeta, mezzo freddurista,

mezzo frate, mezz’uom, mezzo politico:

Come, in tante metà nulla è d’intero?

Come, tutte sommate, fanno zero?

. . .

A LEOPOLDO CICOGNARA

Bellosguardo, 15 giugno 1813

(…)

Pure a Natura venne anche il capriccio

Di creare, fra tanti, un animale,

Ch’io ‘l guardo, e rido, e di paura aggriccio.

Non ride ei già, ma con voce nasale

Scilingua e ghigna s’altri gli contende;

Di nessun dice bene, e d’ognun male.

Anzi, male per ben sempre ti rende;

Ladro ti chiama di ciò ch’ei t’invola,

E per propria la tua merce rivende.

Trangugiasi volumi d’ogni scuola,

E un pasticcio latino-italo-greco

Rivomita indigesto dalla gola.

Erra intorno cogli occhi, eppure è cieco;

Da lunge annusa e corre al putridume;

Grida dí e notte, e sempre come l’eco.

Striscia per andar dietro all’altrui lume;

Se gli è presso, abbarbagliasi e nol vede:

Striscia perché non ha gambe né piume.

Fu battezzato un dí, ma non ha fede;

Né avrà salute mai, ché a mostri tali

L’eterna vita il Cielo non concede.

E questo ha due peccati originali,

Oltre quel d’Eva: dentro non ha cuore,

E di fuor non ha i fregi genitali.

D’impotente libidine d’amore

Arrabbia quindi: e la venerea face

E l’apollinea desiando, muore.

Non sonno trova mai quando si giace,

Ma l’altrui gioia delirando insidia,

E per turbarla a noi perde sua pace.

Quando l’Orgoglio si sposò l’Accidia,

Fu concetto sotterra, e per nudrice,

Che l’allattò di fiele, ebbe l’Invidia.

Poi grandicel succhiò certa radice

Detta grammaticale, e fu creato

Mastino all’eliconia pendice.

Di catena brevissima allacciato,

A chi, a poggiar, gli passa da vicino,

Abbaia e ringhia tremante arrabbiato.

E a chi manca la lena a quel cammino

Fa poi moine; e il chiama con la coda,

E chiede per limosina un quattrino.

Per fame ti vitupera e ti loda;

Per fame ardisce e teme e liscia e morde;

Fame gl’insegna a far bella ogni froda.

Ma ben piú d’oro che di pane ha ingorde

Le fauci: e spesso apparve alla mia vista

Con monete d’umano sangue lorde.

Questo animal si chiama il Giornalista.

Annunci

4 thoughts on “scoperto un nuovo continente: le fakenews dei grandi media ufficiali – 83

  1. avevo letto anch’io questa cosa sul corriere.
    un dettaglio: nell’articolo stesso si scrive “Gli scienziati discutono dell’esistenza della Zealandia da una ventina d’anni, il primo a usare il termine era stato il geofisico Bruce Luyendyk nel 1995.”
    dunque il giornalaio ben sapeva che di “news” non si trattava.
    probabilmente il donde dell’articolo starà in qualche risultato di recenti ricerche che confermano la vecchia teoria.

    ps: hai scritto un paio di volte miliardi di anni, ma si tratta di milioni

    ciao borto!

    Mi piace

    1. grazie della correzione!

      mi sono preoccupato subito di un mio alzheimer, ossessione crescente negli anni 🙂 .

      ma poi ho visto che il lapsus e` nell’originale del diario di viaggio scritto in fretta e furia e senza rilettura: c’era anche scritto un 10 al posto di un 100, e ho dovuto correggere anche quello.

      ma nell’articolo del Corriere anche “Gli scienziati discutono dell’esistenza della Zealandia da una ventina d’anni” e` una sciocchezza, a me pare, almeno per come viene detta.

      si potrebbe dire “Gli scienziati discutono da una ventina d’anni se la Zealandia possa essere considerata un vero e proprio continente oppure no”.

      ma allora come spiegare il titolo?

      e` vero che chi scrive i titoli nei quotidiani non e` mai chi scrive l’articolo…

      ciao krammer, capisco che sei impegnato parecchio col lavoro e quindi penso che ti stia andando bene l’essenziale. un abbraccio.

      Liked by 1 persona

      1. figurati che penso pure io non di rado di avere un alzheimer galoppante 😛
        ma di solito mi rispondo che è poca attenzione condita dalla frenesia della fretta 🙂
        un abbraccio a te amico
        PS: hai colto in pieno la mia situazione, e aggiungici pure i lavori per la casa nuova. dire che ho le giornate piene è un eufemismo!

        Mi piace

        1. anche io alla tua eta` parlavo di poca attenzione condita dalla frenesia della fretta.

          comunque, se era alzheimer, almeno lo era a decorso molto lento, visto che sono ancora qua con sintomi aggravati di poco o pochissimo 😉 , anche se sempre devastanti, almeno nella scrittura.

          e non parlarmi di impegni per la casa nuova! la corda in casa dell’impiccato…

          io perfino peggio, per gli impegni con la casa vecchia da ristrutturare per renderla nuova!

          e tu oltretutto sai anche di che razza di casa parlo (che nel frattempo e` cresciuta ancora di un pezzo!).

          saluti anche a Marika!!!

          Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...