le galline intelligenti – 193

da qualche mese nella mia cascina di mezza montagna hanno fatto il loro ingresso alcune galline.

ho gia` parlato un’altra volta della gallina rossastra e di quella grigia, che mi aveva regalato l’Andrea, e io avevo soprannominato la Renza e la Gentilona,  prima che mi facessero lo sgarbo, senza avere mai fatto un uovo, di andarsene non so dove, una alla volta.

e pensare che gli originali si guardano bene dall’imitarle.

sono poi venute quelle che oggi chiamo le tre Grazie: tre pollastrelle rossicce acquistate al Consorzio Agrario, dopo una lunga attesa dovuta ad una epidemia in atto di influenza aviaria sulla quale i media hanno steso una fitta cortina di censura.

oh, qui mi viene la tentazione di divagare sul mito delle Grazie, ma lo faro` piu` avanti.

l’argomento di questo post non e` questo.

questo post parla, invece, del razzismo umano verso le galline, e di che cosa questo ci puo` insegnare del razzismo umano verso altri esseri umani.

. . .

l’occasione del post, comunque, e` che, dopo due mesi passati a cibarsi a sbafo e quando disperavo di vedere mai il frutto di tutto il ben di dio messo a loro disposizione, da ieri le mie Grazie hanno cominciato a scodellarmi tre uova al giorno, pare.

tre ieri, e oggi sto aspettando la terza.

uova molto compatte, talmente saporite da essere gustose nella frittata con gli asparagi selvatici senza bisogno di sale, dal guscio duro, mi dicono perche` le gallinelle girano anche nel cantiere della ristrutturazione mangiando molta sabbia.

ma questo e` il punto: queste gallinelle girano.

. . .

girano troppo, approfittando di un padrone inesperto e troppo buono.

ho provato un semplice recinto, ma e` come se non ci fosse: spiccano quel loro volo di gallina, rozzo ma efficace, appena smetti di guardarle, e te le trovi dappertutto, che raspano negli orti e nei giardini dei vicini.

bisognerebbe tagliargli le punte delle penne remiganti, mi consigliano.

ma e` giusto tenere delle galline se poi non si rispetta la loro natura?

ed e` proprio della natura delle galline che vorrei parlarvi.

. . .

la gallina, da sempre, non e` considerato un animale intelligente.

non bastassero Cochi e Renato con la loro canzone anni Sessanta, a dircelo, non c’e` anche il modo di dire: cervello di gallina?

ora, invece, io devo ricredermi, e sto scoprendo quanto intelligenti siano le galline.

piu` di me, certamente: perche` per quanti metodi diversi io cerchi per impedire loro di girare negli orti dei vicini, loro sono sempre piu` abili di me.

. . .

pero` e` anche interessante osservare la forma originale dell’intelligenza della gallina.

la gallina non arriva al risultato perseguendo un progetto.

per niente: si limita a perseguire il becchettare qua e la`.

segue un percorso casuale e non programmato: il ciuffo d’erba qua, un lombrichino la`, qualche briciola di pane, perfino le palline bianche di plastica che si ostinano a confondere con chicchi di mais.

passo dopo passo, beccata dopo beccata, la gallina va; e non la ferma nessuno.

segue un obiettivo limitato: mangiare quel che vede.

ma intanto esplora il mondo senza perdere l’orientamento.

. . .

la sua ostinazione e` inarrestabile: puoi provare a spaventarla se passa da un certo punto, ma lei si dimentica e poco dopo ci passa lo stesso.

stupida? ma no: com’e` che al primo fare del buio, comunque, te la trovi tornata al pollaio?

e non si sa neanche da dove venga e come abbia fatto a ritrovarlo…

e com’e` che li` dentro va sempre a dormire sul trespolo piu` alto dove nessuna volpe potrebbe mai raggiungerla?

ha gia` visto una volpe?

. . .

ed eccomi al punto cruciale: la gallina, se la lasci libera, e` tutt’altro che stupida, anche senza essere intelligente.

vogliamo dire che ha un’intelligenza stupida, per fare contenti almeno un poco quelli che la definiscono stupida e basta?

eppure la gallina diventa stupida se le impedisci di essere se stessa.

rinchiusa in un pollaio, impedita di spaziare, la gallina esprime soltanto il peggio di se`.

in un allevamento industriale di polli come quelli che ho gestito dai venti ai 35 anni, il pollo e` il monumento vivente alla stupidita` piu` completa.

devi mettergli gli occhialini di plastica se non vuoi che si scanni a beccate con gli altri polli.

e sfortunati i diversi e gli anomali in queste metropoli pollaio:

al pollo nero ognuno che passa da` una beccata casuale e stupida, perfino senza particolare intenzione, e alla fine l’animale muore dissanguato.

. . .

la dobbiamo sfruttare, la gallina, quindi la rinchiudiamo;

la togliamo dal suo ambiente, limitiamo i suoi movimenti, la riduciamo a pezzo di carne solo provvisoriamente animata.

e a questo punto la gallina e` stupida abbastanza da poter essere uccisa senza rimorsi ne` rimpianti.

si`, diciamolo, facciamo i razzisti con le galline per sfruttarle meglio.

. . .

faccio conto a questo punto che il senso di questa riflessione sia chiaro da se`, se lo applichiamo al mondo umano.

ridurre qualcuno a vivere in condizioni disumane, e poi osservare che e` disumano.

la ricetta e` la stessa: applicata all’immigrato o alla gallina.

il gioco si morde la coda…

. . .

e se provassi, a questo punto, a dare alle mie tre galline i nomi delle Grazie, o Cariti, in greco, secondo Esiodo?

Aglaia lo Splendore
Eufrosine la Gioia
Talia la Prosperità

Seneca invece le vedeva come le dee dei benefici:  e l’intreccio delle loro mani doveva esprimere il triplice ritmo della generosità: l’offrire, l’accettare ed il restituire.

ma nel Rinascimento si vedeva in loro invece la personificazione della Castita`, del Piacere e della Bellezza.

le Grazie: divinita` del beneficio e della gratitudine, tanto da diventare parola comune per esprimerla.

. . .

ma se io chiamassi Grazie le mie tre galline da ieri generose di uova, potrei ancora considerarle stupide?

DSC00512b

mio nonno paterno Andrea e le sue amate galline verso il 1940

Annunci

21 thoughts on “le galline intelligenti – 193

  1. GALLINA

    Vecchia cuoca
    Ostinata
    Non vuol mai fare il brodo.

    GALLO

    Tonto totale
    S’è fidanzato
    Con una galla.

    VOLPE

    Non riesce proprio
    A piacersi
    Con la coda di cavallo.

    Mi piace

    1. no no, quelle sono di una vicina. 🙂

      ma poi sono tutte spennacchiate e ridotte davvero male dal vivere rinchiuse.

      le mie, ti giuro, sono il ritratto della salute, hanno il piumaggio lustro, e quando vado a riprenderle qua e la` e le acchiappo e me le riporto al loro pollaio sotto il braccio, le sento che si fanno belle grassocce e piene… 🙂

      Mi piace

        1. stai parlando dei micetti della gatta Blu? sono spariti oppure morti tutti. in compenso ne sono arrivati da due settimane altri 4 tutti bianchi che aspettano solo di crescere e di trovare nuova casa.

          pero` direi che presto potrebbe essere il momento di tornare a controllare di persona… 🙂 – appena il tempo si mette al bello, direi.

          Liked by 1 persona

          1. si parlavo dei micetti di Blu.
            Ora che so che ne hai altri 4 da piazzare mi tocca aspettare che crescano altrimenti me ne trovo uno sul groppone ne sono certo 😛
            scherzi a parte fino a fine luglio non abbiamo w.e. liberi, tra le gare della mari e gli ultimi lavori per la casa nuova. se tutto va bene forse ci trasferiamo per luglio appunto

            Mi piace

            1. ah be’, luglio e` proprio il momento perfetto per dare via i micetti a svezzamento compiuto (oltre che per vistare la mirabolante Rocca d’Anfo, prenotando la visita guidata per tempo, e farsi un giro in battello sul lago d’Idro 🙂 )

              due te li tengo da parte, allora, tanto lo so gia` che sono irresistibili… 🙂 🙂 🙂

              Mi piace

    1. eh eh, quel mio nonno ebbe la gamba amputata pochissimi anni dopo, per il diabete, e mori` piu` giovane (meglio: meno vecchio) di me adesso.

      certo che cerco di starci attento…

      e adesso devo passare alla identificazione delle galline per l’attribuzione dei nomi.

      Gioia direi quella con la cresta piu` rossa, Talia la piu` cicciotta delle due che restano, e l’ultima e` Egle per forza, ahhahaha.

      Liked by 1 persona

  2. Applichiamo il concetto dell’intelligenza delle galline anche al genere umano e siamo apposto 😀
    (non mi riferisco all’immigrato)
    Il controllo non piace a nessuno…

    La foto è bellissima! Senza dubbio erano galline molto amate…visto la gioia nello stare col nonno 🙂

    Liked by 1 persona

    1. del nonno si sa che era una buona bottiglia, che in preda alla gelosia a volte inseguiva la nonna col coltello in cucina, ma che per il resto era un uomo buonissimo, e avendo poco piacere a parlare con gli umani, trovava piu` gusto a parlare con le galline…

      spero di non somigliargli troppo, anche se io poi non l’ho mai conosciuto, dato che e` morto 5 anni prima che nascessi.

      Liked by 1 persona

        1. accidenti a me! ma allora sono una grottesca imitazione inconsapevole!!!

          ho dato un’occhiata su You Tube e ho trovato un delirio di video di tutti i tipi, come questo:

          salvo poi scoprire anche che la gallina Rosita di Banderas e` un robot, mentre le mie sono vere, eh eh.

          la stessa differenza fra un sex symbol da tv e uno vero, eheheh.

          Liked by 1 persona

        2. ma adesso che ci penso…

          questi spot sono brutalmente anti gallinisti e dunque anche un poco anti-femminili. 😉

          la gallina (che e` poi un perfezionato pupazzo, e non a caso) esiste soltanto un funzione del maschio Banderas e si lascia del tutto condizionare da lui.

          ovviamente, non essendo vera, ma una mera proiezione dell’immaginario del maschio Banderas, non puo` neppure manifestare la sua intelligenza.

          schiacciata dai pregiudizi contro i quali io mi batto, ahhaha

          Mi piace

  3. Hanno un istinto sano, le tue galline.
    Mi sembra complicato, in ogni caso, chiamarle come le tre grazie. Nomi più semplici no?
    Comunque un gran bel post e questa foto del nonno è bellissima! Complimenti e goditi anche le deliziose uova, senza esagerare!

    Liked by 1 persona

    1. taci, ieri sera, nell’entusiasmo, me ne sono impipato, di dieta e quant’altro, e mi sono mangiate le tre uova in frittata, senza immaginare che razza di bomba energetica fossero tre uova cosi` sane.

      stamattina poi ho mangiato l’ovetto per colazione, e alla prova dei fatti ho scoperto che aveva due tuorli, addirittura.

      e` chiaro che questo lo aveva fatto Talia, la Grazia dell’Abbondanza

      e fino a qui col nome ci siamo.

      la prima, lo Splendore, la chiamerei Egle, dato che mi pare che questo nome derivi dal nome greco Aglaia.

      ma Eutifrone e` irrecuperabile, quinid starei all’italiano Gioia, in traduzione.

      Egle, Gioia e Talia, ci puo` stare?

      in ogni caso, grazie alle tre Grazie: oggi dopo tutte queste uova sono a digiuno… 🙂

      Liked by 2 people

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...