ti spio: se la democrazia muore, uccisa da internet – 239

quasi 200 milioni di americani hanno visto pubblicati in rete data di nascita, indirizzo, numero di telefono, religione, pregiudizi etnici e idee politiche, e le loro prese di posizione su argomenti come la legge sulle armi e l’aborto.

qual’e` la vera notizia?

il “disguido tecnico” che ha reso pubblici dati che DEVONO restare riservati?

oppure che questi dati vengano raccolti?

la vera notizia e` chi raccoglie questi dati…

backbox-wifi-libero-ti-spio-1-638

la vera notizia e` che la notizia dello spionaggio universale computerizzato viene data come se fosse la normalita`.

. . .

la societa` si chiama Deep Root Analytics, Analisi computazionale sistematica delle radici profonde

e se pensiamo che le radici sono la sede principale della attivita` nervosa delle piante, secondo le ultime scoperte scientifiche, allora analizzare in profondita` le radici degli esseri umani, uno per uno, e` come schedare il loro cervello profondo.

quella societa` aveva ricevuto l’incarico di costruire un profilo individualizzato di ogni elettore, dal Partito Repubblicano degli USA.

ma niente ci permette di pensare che i democratici, li` oppure altrove, non stiano cercando di fare altrettanto o almeno qualcosa di simile.

del resto, se non lo facessero, perderebbero le elezioni piu` facilmente di quanto gia` non facciano…

. . .

l’incidente casuale svela di colpo che cosa sta avvenendo davvero grazie ad internet: la trasformazione delle tradizionali associazioni politiche umane in enti organizzati su base economica per ottenere il consenso. 

la democrazia in questo contesto diventa una farsa, come e` evidente.

ma qualcuno potrebbe invece dire che trionfa pienamente, una volta che si dispiega completamente il potere delle schedature e dei sondaggi.

avremo un circolo che non dobbiamo chiamare vizioso, ma perfetto:

una schedatura delle opinioni degli elettori che monitora semplicemente l’efficacia degli strumenti con i quali quelle opinioni sono state create.

. . .

ma, arrivato qui, mi resta da scrivere la parte per me piu` dolorosa di questo post.

quella in cui provo a spiegare a me stesso che proprio non esistono piu` alternative, tranne la fuga individuale, assolutamente inefficace da un punto di vista sociale.

nessuna forza riesce davvero a creare delle correnti di opinione alternative, e anche se ci riuscisse non sarebbe  poi assolutamente in grado di condurre una politica coerente di opposizione.

da un lato questo stato di cose, cioe di essere diventati i nuovi sudditi di un sistema coercitivo delle menti stesse nella mani di poteri spregiudicati e indifferenti ad altro che non sia il​ guadagno, sta diventando sempre piu` evidente a moltissimi.

sta diventando di massa questa sfiducia verso la classe sociale che ci governa e verso il ceto politico di portaborse dei quali si serve per farlo.

. . .

questa scoperta del carattere tirannico e corrotto dell’oligarchia viene chiamata populismo.

notate  bene il significato in trasparenza che questa parola trasmette.

il sottinteso e` che il potere e` specialistico, che il puro appello al popolo e` grottesco e inefficace.

populisti, infatti, sono attori oppure operatori del mondo dei media

personaggi che sembrano inventati apposta per confermare che, se il popolo e` stupido, il populista che crede nel popolo e` uno stupido al cubo.

ma non sono credibili, ci dice la definizione stessa, perche` sono popolo.

la derisione delle loro idee dilettantesche, quando vengono messe alla prova in pratica, conferma che soltanto di governa gia` sa bene come si deve governare.

e il discorso non fa una piega.

. . .

non vorrei essere equivocato: questo non significa affatto, secondo me, che chi governa e` veramente consapevole delle scelte migliori da fare.

e` consapevole invece dei trucchi che servono per far apparire tali le sue scelte, che nascono per altri motivi.

in primis il guadagno, che e` continuamente riproposto come metro di valutazione universale.

e che vale molto piu` degli esseri umani, moltiplicatisi fastidiosamente come mosche e in via di ampia sostituzione come strumento per la produzione.

del resto, se qualcosa induce a evitare qualche sterminio di massa e` la necessita` che qualcuno resti in vita per comperare, per alimentare il ciclo del profitto.

. . .

insomma l’umanita` intera assomiglia sempre di piu` al Barone di Muenchhausen, che sfuggiva alle sabbie mobili afferrandosi il codino da dietro con la mano e tirandosi verso l’alto…

riusciremo davvero in questo modo a sfuggire alla palude che ci sta inghiottendo?

la mia risposta, serena e sarcastica, e` si`: se il Barone riusciva a farlo, perche` non dovremmo riuscirci anche noi?

Annunci

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...