Altre note sparse da una provvisoria Germania sulle ingiustizie della vita – 308

Ieri, dopo un’oretta e passa da quando ho fatto scendere la nigeriana senza documenti, ma in teoria bosniaca, dalla mia macchina, lasciandola alla fermata dell’autobus, mi arriva un messaggio di Blablacar che Harris, l’uomo che aveva prenotato il viaggio per lei, ha disdetto la prenotazione, e dopo un poco mi scrive anche Harris, che vuole indietro i suoi 26 euro.

E pensare che ha appena mancato l’obiettivo di farmi fermare per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, non tanto alla frontiera svizzera, dove non si vede nessuno, ma a quella successiva con l’Austria, dove i controlli sono diventati adesso occhiutissimi, anche se sono solo, figurarsi se avessi avuto anche una bella ragazza di colore con me.

È  mentre provo a rispondergli, che mi rendo conto di quel che segue:

Una recente e sorprendente indagine affermava che i nigeriani sono il popolo che soggettivamente si sente più felice al mondo.

Può darsi che dipenda da questo: la felicità di noi umani non è  tanto legata a qualche criterio oggettivo, ad esempio, sulla disponibilità dei beni, ma a potere verificare che stiamo meglio di altri attorno a noi.

Del resto lo sapeva bene il poeta romano che scriveva quanto sia gratificante vedere qualcuno che sta facendo naufragio mentre noi si sa di essere al sicuro; e se gli esseri umani non fossero fatti così  non esisterebbe neppure la cronaca nera.

E questo segna o dovrebbe segnare anche la campana a morte per ogni forma di consumismo, nel suo rapporto con la felicità.

Però io ho anche un’altra spiegazione e, siccome non sono un razzista vi prego di non equivocare: non sto affatto dicendo che tutti i nigeriani sono così – se dico che la cultura italiana è  mafiosa non sto dicendo che tutti gli italiani individualmente sono mafiosi, sto solo dicendo che tutti ne siamo condizionati, anche quelli che cercano di rifiutarla.

Così  nella cultura nigeriana non esiste il senso di responsabilità  individuale, il suo posto è preso dal pensiero magico. Noi dobbiamo sforzarci di calcolare il risultato delle nostre azioni, il cristianesimo ce ne rende responsabili. Pensate che stress. I nigeriani invece fanno quel che gli gira e poi stanno a vedere come gli spiriti conducono a termine la faccenda – sempre parlando della cultura locale e non dei singoli, naturalmente . Ditemi voi se non e è molto più rilassante.

Quanto al benessere procurato, l’animismo batte dunque il cristianesimo 10 a 1. Ma il cristianesimo è la religione dell’efficienza, non della felicità.

. . .

L’impatto con Stuttgart per me è  un manifesto che dice: Curdi e Palestinesi uniti nella lotta per l’indipendenza. Del resto era cosi, anche fisicamente, nella manifestazione comune che ho visto e filmato qui qualche tempo fa. Sono di nuovo a casa, finalmente. Sono tornato nel paese dell’umano, dell’ovvio, del razionale. Smetto di sentirmi strano, come mi succede in quel paese di pazzi e di contorti mentali che e’ l’Italia.

IMG_20170825_093444

IMG_20170825_121136

Il manifesto fa parte di una campagna eletterale in tono straordinariamente minore da parte dei grandi partiti. Finora non ho visto un solo manifesto elettorale della CDU, il partito della Merkel. Ha talmente la vittoria in tasca che non fa neppure campagna. La fanno solo dei partiti piccoli, che non hanno nessuna  possibilità di superare lo sbarramento del 5%. I Piraten, ad esempio. Del resto una indagine dice che solo il 7% v

. . .

Esco a comprarmi una nuova videocamera, dopo che l’ultima,  presa al rientro dal roundtheworld, ha festeggiato la fine dei videoclip sul medesimo tirando a sua volta le cuoia.

Ma siccome questo può  essere considerata la prima tappa del prossimo round ne parlo meglio altrove:

https://maurobort48.wordpress.com/2017/08/27/la-germania-california-deuropa-7/

. . .

A Killesberg, l’immenso e bellissimo parco a nord della città, hanno inserito dei promemoria storici: erano qui i punti di raccolta dove circa 2.000 ebrei della zona venivano spediti ai campi di sterminio. Erano i Lager, parola che a noi italiani suona terribile, ma che in tedesco significa semplicemente magazzino e la si usa ancora per ogni deposito di merci. Merci del resto erano gli ebrei.

Con efficienza tipicamente tedesca si ricorda che la spedizione di queste merci nel 1943 termino’ esattamente il giorno della grande festa annuale nel parco, che pote’ svolgersi senza disturbi.

. . .

La mattina mi regala anche l’incontro con una vicina credo una ventina d’anni più giovane di me che fa la passeggiata di prima giornata su due bastoni a dieci centimetri per volta.

E penso alla signora che incrociavo la mattina andando entrambi al lavoro in una zona simile, da anni chiusa in casa a letto per non so quale malattia progressiva.

Sì,  la vita è stata ingiusta con me, mi ha dato molto di più che ad altri, e io questo tendo purtroppo a dimenticarlo spesso.

 


10 risposte a "Altre note sparse da una provvisoria Germania sulle ingiustizie della vita – 308"

  1. Adesso dimmi tu, qui ci sono troppi spunti per anche solo provare a commentare 🙂
    hai dato un passaggio a un curdo e hai trovato manifesti elettorali nigeriani?! no, forse era la nigeriana che faceva nordic walking e il candidato Harris della CDU…
    scusa, mi è presa la stupidera 🙂
    era solo per dire che in questo scritto ci sono almeno 4 post diversi da cui prendere importanti spunti di riflessione.
    grazie.

    Piace a 2 people

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.