nuovo regolamento del Senato, ma il trasformismo non è eliminato del tutto (Grasso che cola n. 4) – 442

incredibimente o quasi, Grasso è riuscito a far approvare oggi il nuovo Regolamento del Senato.

come osservavo in un recente post un nuovo regolamento del Senato contro il trasformismo? (Grasso che cola n. 3) – 412 , questo Regolamento modifica alcune regole del traformismo politico italiano, cercando di rendergli la vita più difficile.

però alcuni aspetti rimangono insoddisfacenti.

. . .

ad esempio, questo Regolamento potrebbe rendere difficile, dopo le elezioni, il prevedibile inciucio fra Renzi e Berlusconi, alle spalle dei rispettivi elettori?

il nuovo Regolamento prevede che non si possano formare dopo le elezioni, almeno al Senato, gruppi parlamentari diversi da quelli con i quali i partiti si sono presentati alle elezioni.

leggendo questa informazione sulla stampa si potrebbe pensare che, se Forza Italia o come diavolo si chiamerà il partito di Berlusconi di qui a tre mesi, Fratelli d’Italia e la Lega si presenteranno come unica lista al maggioritario, non potranno poi formare gruppi parlamentari diversi al senato.

. . .

no, è soltanto una mia illusione: se andiamo a verificare, non sarà così, perché al proporzionale si sono presentati separati.

art. 14 c. 4
Ciascun Gruppo dev’essere composto da almeno dieci Senatori e deve rappresentare un partito o movimento politico, anche risultante dall’aggregazione di più partiti o movimenti politici, che abbia presentato alle elezioni del Senato propri candidati con lo stesso contrassegno, conseguendo l’elezione di senatori. Ove più partiti o movimenti politici abbiano presentato alle elezioni congiuntamente liste di candidati con il medesimo contrassegno, con riferimento a tali liste, può essere costituito un solo Gruppo, che rappresenta complessivamente tutti i medesimi partiti o movimenti politici. È ammessa la costituzione di Gruppi autonomi, composti da almeno dieci Senatori, purché corrispondenti a singoli partiti o movimentipolitici che si siano presentati alle elezioni uniti o collegati. I Senatori che non abbiano dichiarato di voler appartenere ad un Gruppo formano il Gruppo misto.

la Costituzione di un unico gruppo parlamentare da parte di partiti o movimenti politici che si sono presentati alle elezioni congiuntamente è soltanto facoltativa.

. . .

quindi la possibilità di beffare gli elettori dopo le elezioni, che chiamiamo trasformismo parlamentare, rimane inalterata.

del resto, il fenomeno è nato con l’Italia stessa.

IMG_2481

. . .

ed ecco a voi il famoso attore trasformista Leopoldo Fregoli:

220px-Leopoldo_Fregoli

ditemi sinceramente: vi ricorda qualcuno? 🙂

a me, quanto meno, ricorda la Leopolda…


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.