armi nucleari (americane) a basso rendimento – 23

“armi nucleari a basso rendimento”.

US-AFGHANISTAN-ATTACKS-FILES

cambia la dottrina nucleare americana sotto Trump e verra` annunciata ufficialmente a fine mese:

prevede come possibile anche una risposta nucleare a un attacco non-nucleare.

nello stesso tempo da` l’avvio alla produzione di testate tattiche più facilmente utilizzabili da una versione modificata dei missili Trident D5 lanciati da sottomarini.

un miliardo di dollari di spesa nei prossimi trent’anni.

e, nonostante il Trattato di non proliferazione nucelare, ecco anche la possibile ripresa degli esperimenti di nuove armi nucleari.

. . .

non e` una novita` assoluta: ci provo` anche Bush nel 2005, ma il parlamento boccio` la proposta; non e` detto che oggi faccia altrettanto.

ma la situazione politica generale e` molto peggiorata da allora, e gli orientamenti del parlamento americano anche.

non a caso papa Bergoglio ha detto di vedere nuovi rischi di guerra nucleare in queste ore.

. . .

ma come sono distribuite le armi nucleari nel mondo?

dati 2016:

Russia 7.290

USA 7.000

Francia 300

Cina 260

Regno Unito 215

Pakistan 120

India 110

Israele 80

Corea del Nord: 10 – si`, DIECI.

tutte insieme, piu` di 15.000 bombe atomiche, capaci di distruggere completamente la vita umana sulla terra decine di volte.

. . .

lo scopo dichiarato degli USA e` dissuadere la Russia dall’usare armi simili in un eventuale conflitto nell’Europa orientale.

una guerra nucleare in Europa orientale: e` questo quello che vuole l’Europa?

queste armi nucleari tattiche verrebbero del resto concentrate soprattutto proprio nella basi americane europee.

Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia, in particolare.

. . .

armi nucleari tattiche? anzi, armi con basso potere esplosivo, o meglio “a basso rendimento”, come vengono pudicamente definite.

e per rendimento qui intendiamo la capacita` di uccidere e distruggere.

be’, si tratta di intendersi.

queste piccole armi atomiche che si vogliono sviluppare ulteriormente, rappresentano oggi circa 1.000 testate nell’arsenale nucleare americano: circa.

si intende con questa definizione una bomba nucleare con una potenza inferiore a 20 chilotoni (20 miliardi di tonnellate di dinamite).

la bomba che distrusse Hiroshima era di 13 chilotoni.

. . .

la capacita` di questa gente di mentire, condizionare, nascondere e` senza limiti.

naturalmente questi sono gli stessi USA che lanciano grida di allarme per il riarmo nucleare della Corea del Nord e per il rischio di un riarmo nucleare dell’Iran, che pure si e` impegnato ad escluderlo.

e` ovvio per chiunque abbia un cervello che l’agitazione dell’opinione pubblica sul rischio inesistente di una guerra nucleare con la Corea del Nord serve soltanto a manipolarla perche` accetti piu` facilmente il riarmo nucleare americano.

questo e` il vero pericolo da cui distrarre con pericolo immaginario.

. . .

intanto prosegue il crollo del valore del dollaro sui mercati mondiali.

diversi paesi lo stanno abbandonando come strumento monetario fondamentale per gli scambi con l’estero.

ha perso il 10% del valore l’anno scorso.

IUQ4QONU6216-kcV-U11011927023562GcE-1024x576@LaStampa.it

il calo serve a rilanciare le esportazioni americane.

allora e` sempre guerra combattuta con altri mezzi.

pero` e` una guerra economica pericolosa: arricchisce i profitti delle imprese USA.

ma impoverisce il popolo americano nel suo insieme.

 


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...