gli esami non finiscono mai? TIM e windows alla prova -34

mi arriva una comunicazione dalla Tim, che gestisce il mio telefono: linea fissa e cellulare; o meglio, l’avviso di una comunicazione.

per ricevere la comunicazione devo chiamare, dare come una specie di parola d’ordine per confermare che sono proprio io; poi mi avvisano comunque che il messaggio e` riservato e che sono passibile di denuncia se lo divulgo.

(e chissa` che cosa mi succede adesso, che ne parlo addirittura sul blog).

a questo punto mi incuriosisco un po`, lo ammetto.

anche se intuisco che tutta questa pruderie deve avere a che fare con qualche questione di soldi.

viviamo in un mondo, infatti, dove e` diventato piu` osceno mostrare l’estratto conto bancario che i genitali.

. . .

ma rimango subito deluso, dato che speravo che mi parlassero di qualcos’altro: e invece volevano soltanto dirmi che non ho pagato l’ultima bolletta, appunto.

lo sapevo gia`: pochi giorni prima della scadenza ho avviato l’addebito automatico sul conto corrente, ma poi ho visto che alla scadenza non era stata comunque addebitata.

bene – penso -, ora chiamo per spiegare la situazione e capire se l’addebito automatico e` andato a buon fine oppure no.

un breve dribbling sul 187 e alla fine ecco la solita voce registrata che mi avvisa:

1) che alla fine della telefonata potra` essermi fatta una breve intervista per sapere se sono soddisfatto del servizio;

2) ​che il mio problema sara` trattato in Romania.

quest’ultima cosa mi chiedo perche` me la dicono:

forse per permettermi di ululare “no, in Romania no”, come la demente all’ospedale che ha rifiutato di farsi visitare da un medico NEGROO, e che non risulta sia stata rispedita immediatamente a casa a calci nel culo, purtroppo.

. . .

e invece dall’altra parte ecco una voce femminile gradevole, che parla un italiano corretto, solo con un accento vagamente straniero e che mi spiega che l’addebito sul ccb e` andato a buon fine, ma diventera` efficace solo dalla bolletta emessa successivamente; quindi questa scaduta devo ancora andarmela a pagare personalmente.

ecco, era quello che volevo sentirmi proprio dire, per essere sicuro che alla fine non pagassi due volte; saluto e ringrazio, ma la ragazza a questo punto fa:

mi scusi, La potrebbero richiamare per chiederLe di questo servizio.

si`, me l’hanno detto.

Le dispiacerebbe darmi un 9 o un 10?

ma certo, glielo avrei dato, comunque!

ma Lei non raccoglie il mio tono affettuoso, non reagisce, e mi saluta burocraticamente, quasi spaventata da quella specie di infrazione che ha compiuto.

. . .

e io mi sposto con la mente in Romania, immagino in qualche paesino o in qualche estrema periferia, dove la TIM ha decentrato i suoi servizi italiani per pagarli meno.

e vedo questa ragazza o giovane donna, che potrebbe essere mia figlia, che si sforza di parlare bene una lingua straniera, con ansia superiore a quella che costa sempre e comunque il farlo, che cerca di essere gentile, che sa di essere sotto esame.

penso a quanto e` pagata poco, e con quanto peso di ricatto le vengono dati i pochi euro che guadagna.

gli esami, per lei, non finiscono mai, penso amaramente.

e comunque, non sono stato piu` chiamato, di fatto.

. . .

e` una coincidenza istruttiva che quasi contemporaneamente ho installato sul pc l’ultimo laboriosissimo aggiornamento di windows 10.

e ora dal mio stesso pc vengo invitato a informarmi sulle meraviglie che il nuovo aggiornamento mi offre:

non solo immagini in 3D, ma un coordinamento istantaneo tra il pc e il cellulare (scusate se lo chiamo ancora cosi`).

be’, sembra utile, mi dico, e procedo.

. . .

il secondo step mi chiede distrattamente, per impostare il servizio, se autorizzo windows a leggersi tutte le mie mail…

alla faccia della privacy gestita dalla TIM tanto piu` nevroticamente quanto soltanto formalmente!

alla faccia della giovane romena pagata certamente a cottimo e controllata a vista nei giudizi sulle sue prestazioni, da cui sono stato preventivamente e puntigliosamente messo in guardia!

qui uno dei poteri che si sta impadronendo del mondo mi chiede di rinunciare completamente ad ogni aspetto della mia privacy, ben oltre alle informazione sul modo in cui gestisco i miei soldi, in cambio di un coordinamento tra due apparecchi, che peraltro non le appartengono.

. . .

quanti avranno detto si` alla richiesta, piu` o meno sbadatamente o pensando comunque che il gioco valesse la candela?

quanti avranno accettato di essere da questo momento in poi sotto controllo, sotto esame, senza neppure saperlo?

davvero gli esami non finiscono mai.

 

 


4 risposte a "gli esami non finiscono mai? TIM e windows alla prova -34"

  1. Ho avuto a che fare con queste signorine che chiamano da altri paesei. Devo dire che non è stato per niente facile fargli capire alcune cose.
    Poi sapendo bene che queste aziende, tim e compagnia bella, hanno trasferito i call center all’estero per pagare una miseria questa gente, la cosa mi imbestialisce ancora di più.
    Posso dirti questo perchè in passato ho anche lavorato per una di queste aziende e ho visto quello che succedeva e come hanno cercato di spostare tutto altrove per risparmiare sugli stipendi.
    C’era gente che in italia ci campava la famiglia lavorando nei call center, specialmente al Sud, e adesso invece non esiste più niente. E non parlo solo di call center ma anche di altri tipi di aziende.
    Non è questione di razzismo ma di costo della manodopera che all’estero conviene.
    Come i cinesi che producono facendo lavorare i bambini.
    Ecco, le aziende italiane hanno scelto lo fruttamento schiavista di persone che hanno bisogno e se ne sono approfittate bellamente. E questo non doveva succedere.

    Mi piace

    1. Non si tratta di aziende italiane… si tratta semplicemente… di capitalismo liberato da ogni vincolo… ringraziamo di questo la sinistra filocapitalista che di suo gli ha tolto ogni minimo argine.
      Schiavismo in ” democrazia” ben detto!…. questa democrazia rappresentativa è chiaramente uno strumento di difesa superato, va inventato qualcos’altro che funzioni, ammesso che si sia ancora a tempo, cosa di cui dubito…

      Piace a 1 persona

      1. anche io, caro silvano, sto giusto meditando sulla crisi definitiva della democrazia rappresentativa, e penso di riuscire a mettere giu` qualche pallosissima riflessione prima o poi.

        l’esempio di una forma di democrazia che funziona meglio, parlo da un punto di vista strettamente tecnico, cioe` dell’efficienza del risultato, lo abbiamo sotto gli occhi e occorrerebbe partire da li`, per questa riflessione: parlo della democrazia popolare cinese e della selezione della classe dirigente attraverso meccanismi di selezione locale di tipo non elettorale.

        in fondo si tratta dell’ultima evoluzione della democrazia consiliare di leninista memoria, dopo tutto.

        non e` certo il paradiso della piena democrazia in terra, pero` funziona; ma forse soltanto perche` ha alle spalle una antica cultura profondamente diversa e molto meno individualista della nostra.

        Mi piace

    2. io sono stato fortunato in questo caso (ma non in altri): purtroppo a volte si viene disturbati programmaticamente da aziende che hanno avuto il tuo numero di telefono chissa` come e si risponde spesso in modo sgarbato; spassosa una telefonata recente che chiedeva di parlare con mia moglie, e io che rispondo: guardi che siamo divorziati da 32 anni!!!

      il decentramento delle attivita` per pagare di meno i lavoratori e` stata la tragedia degli ultimi decenni e ha posto le premesse perche` la riduzione dei salari venisse realizzata anche da noi. le statistiche conomiche parlano chiaro: gli iper-plutocrati si arricchiscono rapidamente sempre piu` mostruosamente mentre il resto della popolazione mondiale viene drasticamente impoverito via via e soprattutto viene distrutto il ceto medio che era la base della democrazia.

      questo processo sta sviluppandosi cosi` rapidamente che pare che non ci sia neppure il modo di organizzare una resistenza.

      e` abbastanza evidente che alla fine i nuovi tecno-feudatari che si stanno impadronendo del mondo dovranno escogitare qualche sistema per liberarsi da ultimo dell’umanita` miserabile che non servira` piu` a nulla, quando la sua capacita` di consumare sara` ridotta ai minimi termini.

      qualcosa mi pare di vederlo gia` in gestazione, del resto; la tristezza e` capire che la massa totalmente rintronata non e` assolutamente in grado di capire che cosa sta succedendo.

      Piace a 2 people

Rispondi a amleta Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.