il ritorno della Scheda Bianca (della balena bianca) – 111

tra poche ore iniziano le votazioni per l’elezione del Presidente del Senato, cioè del vice del Presidente della Repubblica, dovesse capitargli qualcosa…

(finora soltanto nel 1964 il presidente Segni, che stava organizzando un colpo di stato con i carabinieri, venne sostituito dal presidente del Senato per alcuni mesi, a seguito di un ictus che molto opportunamente lo colpì durante una violenta discussione col capo del governo, Moro, di cui pretendeva le dimissioni, e questa bella emorragia cerebrale fece tramontare anche il putch programmato).

. . .

a leggere le anticipazioni della stampa di regime, la vera maggioranza occulta di questo parlamento riprenderà il rito vetusto della scheda bianca:

una lunga maggioranza machiavellica di schede bianche, giusto per far capire chi comanda davvero.

poi uscirà il coniglio dal cappello: Berlusconi metterà al ballottaggio Romani, condannato in via definitiva per peculato:

la Cassazione, infatti, ha considerato dimostrato il reato, ha solo chiesto di ricalcolare le attenuanti;

Romani, indagato per 22.000 euro di rimborsi spese al Comune di Monza in 18 mesi fra il 2007 e il 2008, e costretto a risarcire con 400.000 euro il curatore fallimentare di Lombardia7 nel 2003.

. . .

insomma, Berlusconi poteva trovarne altri cento, di portaborse fedeli con un curriculum più presentabile: ma vuole proprio lui, uno con la fedina penale sporca, perché è il simbolo adatto.

la Lega di Salvini si accoderà, semplicemente perché fa parte del sistema, egualmente marcia, come hanno dimostrato i casi di Bossi, di Calderoli e ora di Maroni.

e, al dunque, il Partito Monocratico di Renzi si asterrà, permettendo che abbiamo al secondo vertice dello stato un condannato per reati compiuti nell’attività politica.

images

. . .

ma è proprio questo che Berlusconi vuole, che Renzi appoggia e che Salvini finge solamente di contrastare: malaffare al governo.

se Romani, condannato per peculato, può essere il vice-presidente della Repubblica, perché dall’anno prossimo, scaduta l’interdizione per la condanna per frode fiscale, Berlusconi non potrà essere Presidente?

della repubblica o del consiglio non importa…

. . .

con questo, eccoli serviti tutti quelli che hanno partecipato a queste elezioni farlocche illudendosi e illudendo che si possa cambiare il sistema giocando in partite con le carte truccate.

e del resto, la maggioranza reale del paese resta fermamente filo-mafiosa.

. . .

ed ecco confermata anche a mia percezione istintiva, assistendo al comizio finale di Salvini a Milano, che la sua Lega sia in realtà debolissima… quelli che giurano sul vangelo… (a proposito di Salvini) – 73

che stupido a pensare di essermi sbagliato.

prepariamoci al governo Berlusconi-Renzi con la ruota di scorta di Salvini, dai.

– che vi avevo detto subito dopo le elezioni? analisi controcorrente delle elezioni – 93

 

. . .

ahia, temo di essermi fregato con le mie mani.

ho cercato con google la signora Bianca Scheda, per sapere chi stiamo per eleggere presidente del Senato, e prima che potessi fermarlo, ecco aperto il suo profilo Facebook – e dunque anche il mio.

mio personale #DeleteFacebook, addio…


4 risposte a "il ritorno della Scheda Bianca (della balena bianca) – 111"

  1. Avendolo sempre sostenuto, M5s mai al governo, concordo pienamente…
    Hanno contro troppi interessi interni , europei ed internazionali…molto meglio gli affidabili PD e Fi ( Salvini è caricato a salve). Con i condannati ed impresentabili non scherziamo, fanno parte da sempre dei governi del sistema capitalistico, vedi il Sarkosy di questi giorni….Che poi il PD si spacchi ulteriormente è pure possibile…

    Mi piace

    1. aahh, misterioso silvano: ma allora perché li hai votati, i CinqueStelle? solo per sfizio di protesta? eh, no, dai non si fa così: mica ti chiami Bortocal, tu! 🙂 🙂

      nel senso che io almeno ho rifiutato la scheda, e adesso ho le mani libere per criticare…, ma tu? 😉

      e pensa che non mi ha distolto dal’astensionismo attivo neppure il qualunquismo di Saviano che ha dichiarato a suo tempo che, secondo lui, “c’era gente appartenente alla classe media, con un buon livello di istruzione” che ha smesso di votare Cinque Stelle (io mai neppure cominciato) “per rifugiarsi di nuovo nel non voto, per coltivare il proprio privato alla ricerca di una felicità individuale”.

      col cavolo! il mio non voto è stata una scelta pienamente e consapevolmente politica, e mi pare che quel che accade mi stia dando ragione…

      Mi piace

      1. Il voto ai 5s è servito, con mia grande esultanza a chiudere ogni futuro al Pd, sommo disfacitore (con i suoi predecessori s’intende) di una qualche speranza di sinistra, almeno socialdemocratica, essendo passato armi e bagagli al servizio del capitale internazionale proponendosi come suo principale attore.
        La morte politica di quella nullità umana di Renzi poi è da festeggiare…
        Partito morto… spolpato dai 5s.
        Ammesso e non ancora concesso che vadano al governo, per quanto poco riescano o vogliano fare i 5s saranno comunque un passo avanti rispetto a PD-FI di sempre.

        Il loro programma originario, all’interno del sistema del capitale, non era male per molteplici aspetti.

        Ora sono perplesso e sto a vedere….pronto a passare a nuova opposizione.

        Ps: innesti?

        Mi piace

        1. per gli innesti, dici che a stagione è giunta? ma è meglio che ci sentiamo per telefono.

          sul resto, evidentemente, col reddito di cittadinanza, i CinqueStelle hanno raccolto, sia pure in forma spuria e post-moderna, le istanze della tradizione operaia e socialista di solidarietà che il Partito Democratico ha lasciato cadere.

          è evidente che questo partito, come tutta la socialdemocrazia europea, è oggi solamente il braccio operativo dei cosiddetti “mercati”.

          che cosa succederà è un po’ difficile da capire, in queste ore; tuttavia per il reddito o meglio il salario di cittadinanza mi sembrano tempi bui: Lega e CinqueStelle esprimono bisogni di classe diversi e anche un diverso rapporto con la moralità politica.

          a me la situazione sembra abbastanza simile a quella del 1978: occorre una allenza degli opposti (come allora DC e PCI, che esprimeva allora istanze molto simili a quelle dei CinqueStelle di oggi, anche se in una diversissima declinazione ideoogica), per arrivare a un nuovo bipolarismo politico.

          fase transitoria di compromesso fra gli opposti, per rifondare la poitica: una sfida comunque interessante, anche se resto molto pessimista sugli esiti finali.

          Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.