Quitaly clause (e l’Argentina) – 215

secondo l’agenzia Reuters, i legali che rappresentano gli investitori internazionali che stanno acquistando i titoli di stato italiano hanno recentemente rimandato indietro i relativi contratti aggiungendo una Quitaly cause.

si tratta di una clausola di garanzia contro l’ipotesi che l’Italia esca dall’Unione Europea o dall’euro o che ne sia espulsa.

(ma, secondo i trattati, l’unico modo per un paese di uscire dall’euro e` di lasciare l’Unione Europea).

la clausola consente all’acquirente in questi casi di ritirare i propri capitali.

secondo Dagospia, che pero` ha gia` cancellato la notizia, la Quitaly clause prevede anche l’obbligo di saldare il dovuto comunque in euro e delle penali salatissime.

notizia fantasiosa, perche` qualunque debito contratto in una moneta va restituito nella stessa moneta, oppure in un’altra moneta, ma nel cambio vigente al momento della restituzione.

. . .

la clausola in questione non e` l’unica comunque che garantisce i creditori, ovviamente.

solo dei magliari stupidi possono pensare che i creditori non cerchino di tutelarsi dalle truffe dei debitori che si indebitano in euro pensando poi di restituire il debito in lire svalutate.

ha fatto testo il caso dell’Argentina.

. . .

dopo il fallimento del paese nel 2001 – avvenuto nonostante il paese avesse una propria moneta sovrana -, l’Argentina ristrutturo` il suo debito, sostituendo i titoli di stato originari con altri a scadenze piu` lunghe e interessi piu` bassi.

il 90% dei creditori accetto`, accontentandosi di recuperare il credito almeno in parte, ma non alcuni fondi speculativi, che trascinarono l’Argentina in tribunale in varie sedi.

ne seguirono contenziosi lunghissimi e tribunali AMERICANI condannarono lo stato argentino a restituire alle condizioni originarie del contratto i crediti ricevuti da investitori americani.

solo nel 2016 questa prima parte della vicenda si e` chiusa, col pagamento di 5 miliardi di dollari da parte dell’Argentina.

. . .

ma, forse proprio anche per la sconfitta subita, subito dopo la crisi argentina si e` riaperta, e per affrontarla il paese, che non fa parte di nessuna Unione piu` vasta, deve contare sulle sue sole forze.

e in questi giorni l’Argentina e` ancora citata in un tribunale americano, a New York, ed e` stata dichiarata li` nuovamente in fallimento.

il governo argentino aveva infatti depositato 539 milioni di dollari per il pagamento a fondi speculativi americani degli interessi in scadenza, che pero` ammontano a 1,5 miliardi, e alcuni fondi speculativi hanno rifiutato l’offerta.

. . .

vi sono infatti oramai societa` specializzate in questo tipo di operazioni: acquistano a prezzi stracciati titoli di stato palesemente inesigibili e poi trascinano in tribunale (americano) lo stato che li ha emessi per riscuoterne almeno una parte consistente.

il fondo Elliot Capital in causa ora con l’Argentina nel 1996 acquisto` 11 milioni di titoli del Perù, ottenendone alla fine 60 di rimborsi; sei anni fa ha comperato titoli argentini dichiarati in default per 49 milioni di dollari e ora potrebbe incassarne oltre 830 con un guadagno del 1600% in soli sei anni.

nel 2001 il Credit Suisse convinse il governo argentino, alle prese con una carenza di liquidità, a posticipare le scadenze dei pagamenti, ma ad alzare ancora gli interessi sui titoli:

operazione tipicamente usuraia, che fruttò all’istituto svizzero e alle altre banche internazionali coinvolte commissioni per 90 milioni di dollari, ma affossò definitivamente il paese.

e quindi oggi, dopo 13 anni, l’Argentina è nuovamente in default.

AFP_14H0LR-krb-U43480606919573wDB-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

por una Argentina sin hambre

per un’Argentina senza fame

. . .

questa e` l’economia spietata degli speculatori che dominano il mondo.

forse e` il momento di guardare negli occhi i pescecani (lo dico anche a me stesso) e di smetterla di sognare, prima che i sogni si trasformino in incubo.

. . .

ma proprio a seguito del caso argentino, oggi le CAC, “Clausole di Azione Collettiva”, proposte sin dal 2002, sono sistematicamente inserite, dal 2013, nei prospetti dei titoli di Stato di durata superiore a un anno. 

queste prevedono che si possano modificare le condizioni contrattuali con l’ok da una maggioranza qualificata dei possessori di un determinato titolo (in genere per il 75% del valore complessivo): quindi anche la moneta con cui si pagano gli interessi e si rimborsa il titolo; e se la maggioranza viene raggiunta, la decisione diviene vincolante per tutti i possessori dello stesso titolo. 

e` un tentativo di evitare che altri paesi ripetano l’infinito calvario argentino.

e potrebbe interessarci prossimamente molto da vicino.

 

 


2 risposte a "Quitaly clause (e l’Argentina) – 215"

  1. Ad hoc….non so se mettere il numero…

    Una ciliegia
    ne tira 463
    come universalmente noto.

    Grappoli di gioielli
    tondi della polpa più dolce
    pendono irresistibili.

    Troppo disponibili, troppo buone
    colte come scimmia sui rami
    con mani e labbra rosse del loro rosso.

    Ora i merli,
    per acclamazione,
    mi considerano dei loro.

    "Mi piace"

    1. poesia gustosa come una ciliegia, appunto colta dall’albero… 😉

      e noi due sappiamo bene di cosa parliamo.

      e` un peccato che se ne stia qui nascosta tra i commenti, ma forse e` giunto il momento che tu prenda il coraggio a due mani e la pubblichi qui anche sotto forma di post, come co-autore del blog, direi.

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.