lo sguardo – 240

vi guarderò corrucciato, da dietro

le palpebre chiuse, ovviamente

senza vedervi, ma voi

vi sentirete osservati lo stesso

come da una domanda silenziosa:

.

come per dirvi che non era

questo che mi avevate promesso.

e non è di qualche singolo voi,

ovviamente, che intendo parlare,

ma di un voi collettivo inesistente.

.

che erano queste le regole del gioco

perché farmelo capire così tardi?

ma soprattutto perché impedirmi,

adesso, di farle sapere a chi è rimasto?

(come per paura delle conseguenze)

.

e mi ciondola attorno perplesso,

come sentendosi osservato…

così vicino al segreto che ora so

e vorrei inutilmente dirvi,

ma così escluso dal potere di capirlo.


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.