vaccini: il contagio dell’arroganza 1. premessa – 270

basta! non sono affatto un anti-vaccinista, ma non ne posso piu` dell’arroganza dei vaccinisti e della strumentale campagna mediatica sui vaccini in corso, degna di un paese del terzo mondo!

meme

. . .

naturalmente le leggi della comunicazione dicono che vince in campo comunicativo che e` capace di diffondere una narrazione elementare, capace di solleticare l’autocompiacimento di chi la prende per vera, e difficile da smantellare, dato che per farlo occorrono ragionamenti un poco complessi.

allora diciamo che in campo si combattono due narrazioni:

la prima dice che e` in atto una pericolosa congiura per imporre i vaccini, in realta` pericolosi;

la seconda dice che la prima narrazione dimostra da sola che ci sono degli ignoranti nemici della scienza che vogliono boicottare i vaccini, e dunque le persone informate e consapevoli sono favorevoli all’obbligo vaccinale in qualunque sua forma.

. . .

le due narrazioni sono egualmente idiote, pero` temo anche che la prima narrazione esista soltanto come premessa inventata della seconda.

come non ci sono in genere vaccinisti complottardi (salvo alcune punte estreme), cosi` non ci sono antivaccinisti ignoranti e disinformati (salvo alcune punte estreme).

pero` chi e` favorevole all’attuale legge sui vaccini, per favore, provi ad entrare nel merito degli argomenti e a lasciar perdere la barzelletta offensiva degli anti-vaccinisti trogloditi che negano la scienza.

. . .

ma andiamo con ordine, se possibile, e proviamo a distinguere bene i diversi aspetti, partendo da alcuni sviluppi recenti ed entrando nel merito: purtroppo non e` semplice.

e so benissimo da solo che, siccome non mi schierero` in modo aprioristico, mi tirero` addosso le antipatie di entrambi gli schieramenti preconcetti, e ben poche simpatie da parte di chi non e` schierato, dato che difficilmente avra` voglia di approfondire come qui, invece, provero` a fare…

. . .

ma, essendo stufo del livello del dibattito, permettetemi di essere schematico.

la scoperta del metodo della vaccinazione e` stata una delle principali conquiste della modernita`, d’accordo?

ma io sono stufo di coloro che, paghi di questa convinzione, danno degli ignoranti a tutti quelli che procedono oltre.

e con buona pace degli arroganti che danno degli ignoranti a chi vuole approfondire il problema e la conoscenza, procedo…

la storia dei vaccini e` piena anche di errori e di incidenti, come ogni ricerca scientifica; ci sono stati vaccini che non hanno funzionato e hanno provocato vittime.

spero che si possa dirlo senza negare con questo il punto 1: ci sono anche vaccini che funzionano poco e male.

e poi il fatto che certi vaccini abbiano debellato malattie terribili non significa che sia una buona idea vaccinare tutti e comunque contro ogni tipo di malattia infettiva.

una indagine ufficiale della Camera ha attribuito all’eccesso di vaccinazioni ravvicinate a cui erano sottoposti i militari in missione nei Balcani l’incremento documentato di tumori fra di loro.

infine: dall’invenzione del primo vaccino contro il vaiolo, 220 anni fa, la scienza avra` o no fatto qualche progresso nella conoscenza delle problematiche connesse, oppure dobbiamo restare fermi alle impostazioni di 220 anni fa?

. . .

incoraggiato da due like ricevuti, di prima mattina aggiungo questo stralcio da un articolo del Tempo di Roma del 2 marzo scorso.

Vaccini, premio Nobel Montagnier contro l’obbligo: errore medico e politico
Bufera sul convegno dell’Ordine dei biologi a Roma. Insorgono medici di famiglia e Istituto superiore di sanità.
L’obbligo vaccinale è «un errore medico e politico». Bufera sul premio Nobel per la medicina Luc Montagnier che ha parlato a un convegno dell’Ordine dei biologi, organizzato a Roma dal neopresidente Vincenzo D’Anna e già nelle scorse settimane al centro di polemiche per la presenza di alcuni relatori dalle tesi critiche sulle vaccinazioni.
«In diversi Paesi, come la Francia, molti vaccini vengono proposti come obbligatori entro i due anni d’età. È un errore medico e politico» ha detto Montagnier ottenendo una standing ovation di due minuti dal pubblico dei biologi presenti.
Il premio Nobel, da tempo su posizioni “non allineate” con la comunità scientifica su questi temi, ha premesso di non essere contro le vaccinazioni – «sono a favore, sono buon modo per prevenire le malattie».
– ma ha spiegato che oggi i problemi sono diventati più complessi: «Non è più come ai tempi di Pasteur, un agente contro una malattia».
Ci sono diverse aggressioni esterne: inquinamento chimico, dell’aria, del cibo, elettromagnetico, ha elencato. E aumenta la frequenza di malattie croniche, neurodegenerative, tumorali. E, secondo Montagnier, è più complessa anche l’interazione dei vaccini con la salute.
Il premio Nobel ha ricordato alcuni casi di errori sanitari legati alle vaccinazioni di massa, citando dall’anti-dengue nelle Filippine all’epatite B obbligatoria in Francia.
E ha invitato a una maggiore attenzione nel somministrare i vaccini «a fare tutti i controlli del caso prima della vaccinazione» e ad adottare il principio di precauzione quando si parla di salute.
«Dobbiamo essere cauti quando proviamo nuovi tipi di vaccini, soprattutto quelli obbligatori. La scienza deve saper includere tutti i fatti, negativi e positivi, anche quelli non in linea con le teorie precedenti.
Se si parla solo degli aspetti positivi delle vaccinazioni, eludendo il resto, creiamo una pseudo-scienza.
Al primo posto deve esserci sempre la salute dei bambini, non l’economia», ha concluso.

condivido completamente queste posizioni, mi preoccupa molto che Montaigner sia “isolato” nella comunita` scientifica.

e mi imbestialisco se qualcuno dice che sono un anti-vaccinista per questo!

non sono contrario ai vaccini, sono contrario ai vaccinisti a oltranza, ottusi e prepotenti!

se essere anti-vaccinista significa dissentire dai vaccinisti, solo in questo senso lo sono.

. . .

ma le leggi della comunicazione da blog imporrebbero di fermarsi qui, e di rinviare ad un prossimo post il seguito.

preannuncio pero` il suo argomento: l’obbligo vaccinale degli operatori sanitari nelle regioni Puglia ed Emilia Romagna.


2 risposte a "vaccini: il contagio dell’arroganza 1. premessa – 270"

  1. a me hanno confuso le idee che già non erano così chiare…

    Ma io che ne so dei vaccini, fanno male fanno bene…ti pare che possa studiare, considerare questo, quello, le reazioni benefiche il quando e il come…
    no, guarda

    dovrei fidarmi dello Stato. Che ci sta a fare uno Stato che può rivolgersi alla scienza per sapere cosa è meglio per tutti? Senza discriminare nessuno e tutelare la salute di ciascuna persona?

    "Mi piace"

    1. cara marta,

      hai messo il dito nella piaga, cogliendo direttamente il centro del problema, con semplicita` e acutezza, come tuo solito.

      il cittadino comune, e su questo tema lo siamo anche tu ed io, non e` in grado di formarsi una opinione personale documentata sul tema strettamente tecnico della funzionalita` dei diversi vaccini e del loro effetto combinato.

      dovrebbe allora rimettersi alla opinione dei tecnici del settore, ma anche in questo campo trova una contrapposizione di pareri tra una maggioranza netta del mondo medico che e` favorevole, e qualche piccola minoranza, peraltro non trascurabile nelle argomentazioni, che solleva dubbi, come appunto Montaigner.

      servirebbe un ceto politico non isterico e deciso a dividere l’opinione pubblica per una specie di tifo sportivo in campi avversi, per pasteggiare col consenso delle idee ridotte a fazioni.

      questo almeno siamo in grado di dirlo, e, io credo, anche di smantellare tutte le opposte bufale di una propaganda becera.

      e` quello che io almeno mi propongo di fare, anche nei limiti delle mie conoscenze tecniche.

      ciao, e grazie del commento!

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.