prima i sinti Casamonica – 419

8 villette abusive demolite a Roma questa notte: esulta Italia, erano del clan mafioso dei Casamonica, con ordini di demolizione non eseguiti anche da decenni.

la sindaca Raggi e il governo parlano di trionfo della legalità: bravi. 

e le altre villette abusive di Roma?

migliaia di villette abusive sanate a Ischia e ricostruite anche a spese dello stato.

dov’è la logica?

. . .

elementare Watson, i Casamonica sono mafiosi, ma prima ancora sinti.

questo governo è contro le mafie, ma non tutte: prima vengono quelle degli immigrati o degli italiani della minoranza degli zingari.

le mafie degli italiani veri e puri non danno così fastidio, vero?

questo significadire “prima gli italiani”.

. . .

notte tra l’8 e il 9 novembre 1938, ottant’anni fa esatti, vi fu la notte dei cristalli in Germania; un progrom contro gli ebrei organizzato dai nazisti.

non c’entra nulla, naturalmente: qui è la legge che trionfa, e non ci sono morti.

ma chissà se la legge è ancora legge quando vale soltanto contro alcuni.

. . .

postilla 22 novembre:

se la tesi di questo post vi sembra eccessiva, anche i Casamonica a Roma pensano che le loro ville a Roma sono in via di demolizione non perché abusive – come tante altre lasciate in piedi -, ma perché loro sono l’esempio insopportabile di una famiglia di origine sinti arricchita, sia pure con metodi mafiosi (che del resto in Italia non sono così eccezionali).

infatti hanno dichiarato di essere italiani da sette generazioni.

come se non dovesse bastare vivere in questo paese per vedersi riconosciuti i normali diritti, ma servisse in più l’appartenenza etnica – non si sa bene a che cosa, dato che gli italiani sono molto differenziati fra loro dal punto di vista genetico.

ma non sembra che l’idea dei Casamonica funzioni: la maggior parte degli zingari chen vivono in Italia lo sono, ma per i razzisti italiani questo non basta a farne una minoranza etnica protetta dalla Costituzione, e restano zingari da odiare e perseguitare lo stesso.


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.