come fare una guerra mondiale nel XXI secolo: paranoia Trump – 446

Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei e figlia del fondatore della società, è stata arrestata a Vancouver in Canada sulla base di un mandato d’arresto americano e gli USA ne hanno richiesto l’estradizione per processarla a casa loro.

il reato che ha compiuto, secondo la giustizia americana, e` di non avere rispettato le sanzioni volute da Trump contro l’Iran.

. . .

di fronte ad una notizia simile – che merita di entrare tra i capolavori del surrealismo -, non so che registro linguistico adottare per un commento.

umoristico?

sarebbe in linea con la notizia: siamo tutti americani? (oltre che berlinesi, come diceva Kennedy) – cioe` siamo tutti tenuti a rispettare le leggi americane anche se apparteniamo ad altri paesi che hanno leggi diverse, anzi persino opposte?

indignato?

adesso, addirittura, per difenderci dalla prepotenza jankee, non basta neppure evitare di entrare negli USA, perche` un tribunale americano puo` prelevarci in un altro paese, piu` o meno amico suo, se non facciamo, nel nostro stato, cioe` a casa nostra, come direbbe qualcuno, quel che il governo americano ha deciso che dobbiamo fare nel mondo intero?

filosofico?

ahi ahi, amici cari, la guerra e` economia condotta con altri mezzi; quindi anche questa economia e` guerra condotta con altri mezzi…

. . .

giorni fa Trump di aveva avvisato via twitter di non comperare prodotti Huawei perche` i cinesi ci spiano con i loro telefonini.

come no? assieme a Soros, probabilmente e ai rettiliani.

naturalmente, invece, google, facebook, twitter e altre simili corporate americane non ci spiano per niente…

(molto orgoglioso, a questo punto, di averne proprio uno prodotto da Huawei: chi lo avrebbe detto che sarebbe diventato il simbolo di una resistenza o almeno almeno di una resilienza, una volta accertato che cosa significa esattamente questa parola).

. . .

la pianto qui, con una battuta finale, anzi due.

uno: l’essenza del fascismo e` la paranoia, perche` la paranoia e` una paura diventata patologia, sfuggita al controllo e diventata autolesionista;

oppure e` l’uso consapevole della paranoia altrui per realizzare altri scopi;

o meglio ancora, ipotesi finale: e` l’uso paranoico della paranoia altrui in un processo di feedback infinito che si conclude soltanto quando il soggetto cerca di ammazzare se stesso assieme a quante piu` persone possibili.

due: nell’impero cadente fare le guerre tradizionali e` diventato obsoleto; troppo costoso, anche se la corsa agli armamenti continua a ritmi crescenti, ma oramai fini a se stessi: chi vorrebbe davvero impiegare, cioe` distruggere, gioielli tecnologici tanto preziosi?

la guerra stessa, nell’animale simbolico per eccellenza, diventa simbolica.

non e` meno guerra per questo, visto che alla fine si traduce egualmente in violenza contro le persone.

. . .

quindi stiamo vivendo uno stato di guerra dell’America al mondo intero, non sempre militare, ma dichiarata: siccome si tratta di azioni paranoiche, oltre che surrealiste, siamo tutti in acuto pericolo.

l’esito di ogni paranoia e` un tentativo di autodistruzione imposto anche ad altri, quando la distruzione completa del proprio mondo appare come l’unica via di fuga da un terrore diventato insostenibile.

. . .

ma la paranoia dell’America di Trump ha i suoi fondati motivi e nasce dal fatto che il cattivo soggetto e` effettivamente in pericolo in questo momento.

non e` detto che crolli davvero, alla fine, ma e` davvero sul punto di crollare.

0119trumpparanoia01

 

 

 

 


16 risposte a "come fare una guerra mondiale nel XXI secolo: paranoia Trump – 446"

  1. @ fla

    ah, ecco! purtroppo sul Signore degli anelli sono totalmente impreparato, e fai anche conto che ho avuto un amico che ne e` totalmente fanatico e che pubblica una rivista tolkeniana online, credo molto apprezzata in Italia…

    mi sono quindi sentito in dovere di leggerlo e ho provato tre volte, cadendo ogni volta profondamente addormentato gia` all’inizio della seconda pagina…

    non diro` con questo che e` una boiata pazzesca, ma soltanto perche` mi tengo il mio giudizio per me. 🙂 🙂 🙂

    Mi piace

    1. cavoli, ma mi sembra che ci siano delle differenze significative con Guerre Stellari.

      la forza non doveva essere dalla parte della principessa Leila?

      e` vero pero` che l’attrice in questione ha fatto una bruttissima fine, nella realta`… 😦

      Mi piace

                    1. oh, my god, fla: l’arabo non me lo ricordo proprio.

                      ma se l’arabo fosse proprio soltanto l’arabo, cioe` il principe saudita assassino? 🙂 🙂 🙂

                      tornerebbero i conti oppure no?

                      se l’arabo sta con l’imperatore, per fregare lo scimmione col ciuffo, direi di si`.

                      Mi piace

                    2. propio lui. Chi sa se Frodo ce la farà a distruggere l’anello. Troppi Saruman in giro ormai. Ma questa è un’altra storia 😅

                      Mi piace

  2. Ridateci il muro! Questi sono matti e ci porteranno a fare una brutta fine… qua in Europa ci stanno apparecchiando la guerra con Putin per difendere i nazisti (democratici però) ucraini, ora attaccano la Cina. Ci hanno spiati per anni (e continuano!) e saremmo alleati, evidentemente vogliono l’esclusiva. Lo Huawei per me costa un po’ troppo altrimenti correrei a comprarlo, giusto per fare dispetto a Trump, ma non è che mi arrestano poi? Prima o poi il mondo sarà costretto a mettere sanzioni all’America per i danni che fa…

    Mi piace

    1. non c’e` bisogno di muro ne` di sanzioni, lascia fare a Trump: quando avra` messo i dazi verso tutto il resto del mondo (esclusi Israele ed Arabia Saudita, ovviamente) e il resto del mondo avra` eliminato i dazi al proprio interno, che bisogno c’e` di muro? se lo sta costruendo lui da se`.

      l’isolazioniso americano e` una costante storica del partito repubblicano: Trump ne sta dando una interpretazione abbastanza originale.

      ovviamente la mia risposta e` scherzosa, ma al fondo dello scherzo un poco di verita` resta…

      Piace a 1 persona

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.