13 risposte a "giornata della memoria? – 57"

  1. C’è chi tira fuori ogni volta la bandiera e il volto mesto ( spesso di circostanza);
    io tiro fuori ogni volta che sui giorni della memoria la penso come Moni Ovadia: non bastano!
    Vorrei meno giornate della memoria e più memoria nei giorni. Una memoria che si trasformasse in azioni concrete. Soprattutto in più impegno nel fare comprendere ai giovani perché certe tragedie non solo vanno tenute a mente per rispetto delle vittime, ma soprattutto perché non si ripetano. Perché loro stessi potrebbero diventare le nuove vittime. Perché la Storia spesso si ripete. Anche se mai completamente uguale.
    I giorni della memoria, più passa il tempo, più finiscono per appartenere al calendario come le feste comandate. Celebrazioni un po’ stanche e formali. 
Momenti importanti solo per chi è stato in qualche modo toccato da alcuni dei più raccapriccianti atti che gli uomini possano commettere. 
Per gli altri, specie per i più giovani appunto, se va bene sono Storia. Se va male, atti dovuti. Parole senza emozione.

    "Mi piace"

    1. purtroppo, c’e` da aggiungere, data la difficolta` di distinguere ebraismo e sionismo (che dovrebbero essere invece concetti ben distanti fra loro) che la giornata della memoria e` diventata anche una orrenda occasione di propaganda filo-sionista.

      come se i delitti dell’Europa contro gli ebrei giustificassero quelli dei sionisti, oggi maggioranza schiacciante fra gli ebrei, contro gli arabi palestinesi: una colossale ipocrisia nella quale si consuma la falsa coscienza europea.

      "Mi piace"

  2. la foto è presa da un servizio di Piazza pulita sullo sgombero a Castelnuovo .
    Questo ragazzo esprime bene l’espressione truce dello stupratore/spacciatore/ladro che ci stanno invadendo.

    "Mi piace"

    1. se lo guardi bene, vedrai che nei suoi occhi sta scritto: Sono tutti matti questi italiani…

      a uno che ha sfidato di morire annegato nel Mediterraneo che effetto pensi che possa fare tutto questo nostro teatrino?

      mi ricorda uno dei miei amici senegalesi di quando vivevo a Brescia, e la loro straordinaria capacita`, insegnata dalla vita, di non drammatizzare mai.

      "Mi piace"

      1. Forse di questo teatrino non ne capiscono fortunatamente fino in fondo la brutalità.
        Non l’ho scritto da nessuna parte te lo dico a te e siamo in pochi davanti al supermercato a stazionato per qualche mese un ragazzo senegalese con il quale mi ero fermata a scambiare qualche parola. Avevo preso l’abitudine di lasciargli al bar di fronte pagato un cappuccino e una brioche.
        Sabato scorso Sono andata ho fatto per pagare e la cassiera mi ha detto no le è stato già pagato da ragazzo del Senegal ha detto che lui partiva e che la ringraziava di tutto…
        (non rileggo)

        "Mi piace"

        1. bella e triste la tua storia; il ragazzo se ne e` andato, ma e` senegalese, ti ricordera` sempre con affetto, contaci, e magari fra dieci anni ti incontrera` per la strada e ti correra` incontro ad abbracciarti, come capita a me qualche volta.

          io non so piu` bene se capisco: non me lo garantisce piu` il fatto di essermene di nuovo andato dall’Italia, in un certo senso, come quindici anni fa, fra poco esatti, quando ebbi il colpo di fortuna di poter andare a lavorare in Germania; qui dove sto, fino a che punto e` Italia?

          da questo osservatorio di Cincinnato sperduto dico che, a parte qualche esaltato, che ci sara` sempre, a me pare che molti orecchiano il razzismo tanto per seguire le mode mediatiche del momento, ma che sia una cosa superficiale, non un razzismo vero.

          piuttosto mi preoccupano le giovani generazioni che crescono in questo clima, questo si`;

          "Mi piace"

          1. 1428
            CORO

            Non è nemmeno odio
            è un lasciarsi andare ai tempi,
            al canto del coro,
            che stona,
            che stona forte.

            E’ uno smettere di pensare
            pensando
            al pranzo di natale.

            "Mi piace"

            1. bello il paradosso finale…

              e bello anche il resto, naturalmente; ma oramai ci hai abituati cosi`. 🙂

              ritrovo idee comuni su questo razzismo da burla, che ha la stessa profondita` dei like su whatsapp.

              "Mi piace"

          2. Credo che tu abbia centrato nella preoccupazione per il clima tutt’altro che sereno e pacifico in cui si affacciano le nuove generazioni ma temo anche che questi atteggiamenti razzisti abbiano a che fare con le oggettive difficoltà dei più i quali sono facile preda di slogan e dunque di azioni razziste. A Roma succede ogni giorno.
            shera🌹

            "Mi piace"

            1. si`, ma Roma, cara Shera, e` una citta` dalla solida tradizione fascista, spiace dirlo; da queste parti non sento lo stesso tipo di razzismo imperiale.

              ripeto, forse sbaglio, forse mi sono trovato una nicchia ecologicamente sana; pero` diciamo anche che vivo, si`, nella Valle Sabbia leghista, ma nell’unico tratto di media valle dove ci sono due sindaci democratici…

              meglio cosi`: egoisticamente preferisco sbagliare l’analisi che farmi il sangue piu` cattivo.

              riguardo alle condizioni difficili che giustificherebbero il razzismo, cominciamo a dire – senza volere offenderti – che e` una spiegazione che gia` dimostra che il razzismo sta facendo presa tra chi chiaramente non lo condivide.

              e` una spiegazione che sento ripetere ma che trovo grottesca e ridicola! diciamo invece che i razzisti fanno presa dove manca cultura e dominano atteggiamenti da bulli e guappi.

              forse occorrerebbe riflettere meglio su certi aspetti del cosiddetto tifo sportivo e sul suo legame belluino col razzismo: chi vive come dentro una tribu` mentale e` ovviamente piu` portato al razzismo tribale.

              il tribalismo nasce dal mondo dello sport come spettacolo e tracima, come liquido di fogna, anche nel resto della vita.

              "Mi piace"

              1. mi fa piacere questa consonanza: dobbiamo continuare semplicente ad essere noi stessi, cioe` umani, senza isterismi; questi barbari sono certo diventati piu` numerosi visto che i media, e piu` ancora i social, martellano pro razzismo da una ventina d’anni almeno, ma non sono affatto la maggioranza degli italiani.

                resto piuttosto stupito della fragilita` di alcune risposte: un mio appello nel blog lanciato ancora dieci anni fa a boicottare Facebook per le sue campagne razziste, non solo rimase senza adesioni, ma diede l’occasione a qualche “democratico”, peraltro poi rivelatosi nel tempo filo-renziano, a lanciarmi l’accusa di essere uno stalinista che voleva attentare alla liberta` di espressione.

                "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.