20 marzo 2019, 3 gennaio 1925 e il caso giudiziario Imane – 142

questo parlamento è stato eletto con una legge elettorale che considero illegittima, come del resto è accertato, con sentenza della Corte Costituzionale, per gli altri tre che lo hanno preceduto.

è dalle elezioni del 2006, così come in quelle del 2008, del 2013 e anche, probabilmente, del 2018, che l’Italia è governata fuori dalla Costituzione.

non c’è dunque da meravigliarsi se la cricca politica che la governa ha stabilito oggi al Senato una cosa enorme: che il governo, se ha la maggioranza in questo parlamento – parlamento illegittimo, ripeto – può violare le leggi vigenti, la Costituzione stessa e perfino i trattati internazionali.

. . .

quindi da ora in poi i reati commessi dagli uomini di governo non potranno essere giudicati dalla magistratura, se il governo ha – come è logico – la maggioranza in questo parlamento.

e qualunque reato potrà comunque essere sottratto ad un regolare processo se un ministro se ne assumerà la responsabilità e la sua Camera ne darà conferma.

altro che Lodo Alfano! è una impunità garantita sempre e comunque ad ogni ministro.

. . .

da oggi siamo tutti meno liberi, in quanto siamo entrati in un regime che ha abolito la divisione dei poteri e stabilito la propria intoccabilità.

da oggi siamo tutti meno liberi e in balia di un potere che si è definito intoccabile e fuori controllo.

. . .

questo meraviglioso risultato lo dobbiamo alla meravigliosa convergenza con la destra della Lega, di Berlusconi e di Fratelli d’Italia con la destra dei 5Stelle.

vi rendete conto che i 5Stelle hanno votato per la prima volta con Berlusconi su questo attacco frontale allo stato di diritto?

c’è un solo precedente a questa infamia, e fu quando il Senato precedente fermò il processo contro Berlusconi per avere fatto rilasciare illegalmente l’olgettina Ruby, dicendo che aveva agito nell’interesse dello stato, dato che era la nipote di Mubarak.

di fronte ad un fatto simile perfino lo scandalo corruttivo che travolge il loro capogruppo al Comune di Roma è un fatto secondario, una bazzecola che nasconde l’enormità di quello che è successo al Senato.

. . .

20 marzo 2019: segnate questa data sui libri di storia; vale come il 3 gennaio 1925; è l’inizio di un regime.

re-savoia-mussolini-500x262-864x400_c

non importa se questo governo non sarà vitale: il precedente è segnato e varrà per ogni altro governo dopo questo, che venga espresso da una legge elettorale simile, ma anche no.

del resto l’opposizione stessa non contesta il principio (che si riserva di usare a sua volta nel caso improbabile tornasse al potere), ma afferma soltanto che l’interesse era elettorale e non politico: sottilizza sul merito, ma non rifiuta il metodo.

. . .

peccato che ad accorgersene sia soltanto il vostro blogger, o quasi…

. . .

di ora in ora sembra sempre più certo certo l’avvelenamento dell’altra olgettina Imane – quella che Berlusconi dice di non avere mai conosciuto; è una vicenda di una gravità immane, su cui tutti i media hanno messo la sordina; ma facciamo l’ipotesi, puramente di scuola, naturalmente, che l’abbia ordinata un ministro nell’interesse dello stato.

come la metteremo se la maggioranza dirà che davvero l’interesse dello stato era quello?

neppure Mussolini un secolo fa sarebbe arrivato arrivato a tanto.

. . .

colgo l’occasione per dire che mi sembra inverosimile che un delitto simile possa essere ricondotto a Berlusconi, dato che ha l’obiettivo politico evidente di distruggere la sua candidatura alle europee;

e questo è anche il motivo per cui la stampa dà tanto poco rilievo alla notizia: infatti o è controllata da lui oppure da forze che si definiscono democratiche, ma che stanno cercando l’accordo con lui.

se uscirà che l’avvelenamento era a base di sostanze radioattive, ci saranno degli indiziati ben precisi, che sono appunto quelli che dall’estero sostengono questo governo per disgregare l’Unione Europea.

. . .

piuttosto è sorprendete sapere che la clinica privata Humanitas, dove era stata ricoverata Imane, è noto come “Ospedale del Berlusca”, perché partecipato o controllato da societa’ riconducibili a Berlusconi.

chi ha deciso il ricovero di Imane proprio lì? qualcuno pagava la degenza della ragazza marocchina senza un lavoro fisso oppure il ricovero era gratuito? 

la “reticenza” dell’ospedale ad avvisare gli inquirenti si spiega in questo modo? e serviva soltanto per evitare contraccolpi mediatici negativi a Silvio Berlusconi?


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.