il pipistrello della speranza. borforismi 160 – 2 aprile 2009

come gli altri del 2009, verra` trasferito qui:

https://corpus15.wordpress.com/borforismi-in-itinere/

. . .

cor-pus-zero

2009-04-02 – 07:53:09

il pipistrello è un simbolo della morte.

ma la morte non è incompatibile con la speranza.

* * *

il pipistrello è simbolo della bruttezza.
e cosa c’è di più bello al mondo che la speranza?
AD

* * *

non riesco ad identificare la speranza con la bellezza.

ci sono anche speranze vergognose e brutte come un pipistrello.

* * *

(post a quattro amni con SpringAD)

. . .

commenti:

ilpensierodioggi http://www.miknet.it 2009-04-03 @ 00:42:16
La differenza fra la speranza e la disperazione non la fa il grado di bruttezza, ma la effettiva possibilita’ di poter emergere da questa e passare alla bellezza.

Bortocal 2009-04-03 @ 23:22:54
siccome questo è un borforisma perfetto, col tuo permesso, lo posto come tale.

View original post


14 risposte a "il pipistrello della speranza. borforismi 160 – 2 aprile 2009"

  1. Il pipistrello da noi è di fatto scomparso, come le rondini, le rane, le farfalle, i maggiolini, l’utopia e via elencando…stiamo parlando di ricordi…
    Il mainstream è troppo occupato di Salvini è di Zingaretti, ovvero del nostro ombelico, per accorgersene …

    Mi piace

      1. L’utopia in realtà era l’upupa…ma va bene anche così, anzi è perfetto…

        Va beh….. ti metto questa:

        25
        MEDIA

        Irregimentate schiere di profeti
        Spacciano come verità profonde
        Pagine di scarti predigeriti.

        Al suono del comando
        Testa china e tasca aperta
        Corrono solerti
        Ad imbrattare fatti e verità.

        Mentire, omettere, distrarre,
        Mistificare, ingarbugliare, denigrare
        Sono ferri del mestiere.

        L’ingiustizia diventa imperativo morale,
        Il furto saper vivere,
        La corruzione doverosa mercede,
        La guerra intervento umanitario.

        E le pecore lobotomizzate
        Ingurgitano ogni nefandezza.

        Mi piace

        1. avevo dubitato che l’utopia fosse l’upupa, ma stava talmente bene anche secondo me, che ho rinunciato al dubbio.

          speravo in una poesia sul pipistrello nel tuo repertorio; adesso dovrò buttarla giù da me.

          non ti ha salvato la tua brutta fama
          né la paura leggendaria alle ragazze
          messe in guardia a proteggersi i capelli
          dai tuoi bizzarri svolazzi nella sera,
          o pipistrello che voli con le mani
          e hai dita lunghe per catturare il cielo.

          sei solo leggenda o ricordo anziano,
          come la rondine di giorno in concorrenza,
          lei pure cancellata dai crepuscoli,
          con le sue strida e l’invidia del volare.
          vuoti rimangono i nidi sotto tetti e porticati,
          nessun implume più muore sul terreno.

          Piace a 1 persona

          1. Però ho le rondini…

            1047
            RONDINI

            Volano spavalde le ali,
            Sfiorano la terra,
            Sconfinano l’alto.

            Remigano le remiganti,
            Solida la presa sull’aria,
            Instancabili si godono il volo.

            Schegge fugaci, si illudono,
            Di governare la rabbia del vento,
            Pazze di vita, ignorano il tempo.

            Inconsapevoli del vuoto,
            Lo attraversano
            Da vuoto a vuoto.

            Mi piace

        1. è un dono, alla nostra età, essere sovraccarichi di impegni, no? i miei, da pensionato, si concentrano soprattutto la domenica…

          e, a proposito, buona domenica anche da quelle parti…

          Mi piace

          1. Trovo l’essere “sovraccarichi” di impegni a non tenera età una fortuna. In Africa incontro abbastanza spesso “coetanei” con figli parecchio adulti, che arrancano dietro al Babbo. Gli africani festeggiano domeniche, venerdì… sabati, eppure i ritmi di lavoro sono parecchio indiavolati. Saluti!!

            Mi piace

            1. condivido, e infatti il mio impegno principale è di trovarmi degli impegni.
              quanto al resto, siamo l’ultima generazione dell’età del ferro, e si vede; inutile insistere sul concetto: adesso siamo passati a quella del silicio e si vede! 🙂

              Piace a 1 persona

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.