Luisa Ruggio, lettera a… bortologia III, 71 – 9 aprile 2009

cor-pus-zero

2009-04-09 – 22:17:09

Il luogo dal quale ti scrivo non ha alcun fondamento.
Somiglia a qualcosa che abbiamo conosciuto insieme: terribile, mostruoso, pieno di cadute, sassi, mare.
Dai cori di risa, sale l’assenza della tua. Risata crudele, suono di pellicola del cinematografo, obbedienza monosillabica e profumo.
Naturalmente, sarebbe meraviglioso se tu ricevessi questa lettera per davvero.
Avremmo davanti la possibilita’ sproporzionata di stare tutta la notte, ancora una volta, avvolti in un abbraccio.
Nel rango di un’aritmia gloriosa. Che ci ha condannati all’esilio.
Vai a capire perche’.
Nei mesi del mio grembo sorge l’ovale dei tuoi figli mancati, e poi scompare.
Si esclissa, nel mio sangue frammentato. Aorta e tuono.
Ma rido, rido molto, per come i giorni ci punirono, dentro quelle cose che non avremmo potuto sopportare, separati, che pure abbiamo vissuto fino alle ossa, aperti con la forza, pieni di carezze rimaste a bruciare, acido, il palmo della…

View original post 551 altre parole


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.