la brexit americana e qualcos’altro: NATOxit? – 262

Trump invita il Regno Unito a uscire dall’Unione Europea senza accordo, in poche parole a scappare senza mantenere gli impegni finanziari già assunti negli anni passati.

potevamo aspettarci di meglio da un bancarottiere miliardario entrato in politica per sfuggire al fallimento, esattamente come fece Berlusconi 25 anni fa?

. . .

sono alcune decine di miliardi di euro che ci verrebbero scippati.

ma finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di spiegare anche agli stupidi il motivo vero e profondo dei patemi d’animo del parlamento inglese sulla brexit: non vogliono tirare fuori i denari.

e se hanno cacciato la May, è soprattutto per questo, perché era un’ottusa onesta che voleva pagare i debiti; ma a questo punto un’uscita senza accordo è una vera e propria dichiarazione di guerra (per ora commerciale): USA e Regno Unito contro Francia e Germania:

rieccoci a inizio Ottocento, anche se la parte di Napoleone per adesso tocca alla Merkel…

ma possiamo continuare a considerarci alleati di un figuro simile, senza pensare a precise alternative?

non tocca a noi a questo punto uscire dalla NATO?

ma no, che dico: usciamo dall’Unione Europea, piuttosto, e mettiamoci a rimorchio del nemico americano.

BRITAINTRUMPSTATEVISIT

. . .

la segretaria del Partito Socialdemocratico Tedesco, la SPD, si è dimessa dopo che il suo partito alle elezioni europee ha preso il 9% dei voti in meno rispetto alle precedenti del 2014.

pare che in Italia l’uso delle dimissioni dopo le sconfitte elettorali non sia in uso, in particolare se sei il partito della democrazia diretta e passi dal 21% del 2014 al 17% del 2019 e perdi una stella su 5:

in questo caso basta una pseudo-consultazione online su un sito insicuro e nel nome bestemmiato di Rousseau.

. . .

intanto noi occupiamoci pure di Venezia e dell’incidente annunciato tra nave da crociera e traghetto.

se fossimo in democrazia, davvero, quelle navi non entrerebbero nella città della laguna.

. . .

intanto in Italia chiacchieriamo pure su un cantante di Carta che si fa beccare a rubare le magliette al supermercato e poi nega sfacciatamente: ma gli si farà il processo per direttissima.

fra qualche mese, naturalmente: io intanto sghignazzo disperato, che cos’altro ci resta da fare?

. . .

ci resta Crozza, per sghignazzare rigorosamente a comando, come la rivista umoristica Il Marc’Aurelio sotto il fascismo.

perché i sudditi che ridono dei dittatori rafforzano la dittatura, chi non lo sa?


4 risposte a "la brexit americana e qualcos’altro: NATOxit? – 262"

    1. Crozza è il principale strumento usato dal regime reale per spoliticizzare gli italiani: qualunquismo greve e populismo grossolano.

      lo vedo di rado, via internet, a piccole dosi: a volte mi strappa un sorriso lo stesso (ammetto la mia debolezza), ma sempre più di rado; ma il fatto che tanta gente rida di Crozza o usi Facebook per fare opposizione, crede, getta nello sconforto totale e dimostra che la massa è totalmente manipolabile ad ogni piacimento.

      la cosa fa paura perché è facile vedere che i poteri reali adesso ci stanno gradualmente spingendo verso il sangue, istigando paure e terrori ingigantite in ogni modo.

      ma non serve a molto dirlo, neppure a fare opposizione vera…

      Piace a 1 persona

      1. Secondo me manca proprio una opposizione vera, che invece se fosse efficace e rappresentativa, capace di cogliere e interpretare bisogni reali d aspettative, servirebbe a sgonfiare la propaganda e s porre obiettivi per risollevare la baracca.

        Mi piace

        1. domina una opposizione fasulla, alla Crozza, appunto: assolutamente priva di contenuti e dunque di mordente.

          ed è priva di contenuti perché in realtà non può dirli.

          in questo modo l’opposizione esprime un malessere residuale e persino superficiale; poi, quando per caso vince, fa proprio il contrario di quel che i suoi sostenitori si aspettavano.

          questa opposizione è quasi peggiore del governo, molto più ipocrita.

          Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...