il camionista eroe – 287

invano lui cerca di dire che lo avrebbe fatto chiunque: fermare il camion sotto una pensilina da cui un ragazzo di 19 anni in lacrime sta per buttarsi, parlargli e aiutarlo a scendere.

si sbaglia lui: in Italia ci sono troppi stronzi che non lo avrebbero fatto per niente.

magari prima avrebbero verificato se era un immigrato; solo che questa volta l’immigrato è lui, il camionista, Gabriel Bocra Ianut.

ma non ho letto titoli come Immigrato salva un italiano.

meglio così, forse stiamo diventando normali e consideriamo un immigrato un essere umano come un altro.

. . . 

diversi anni fa, a Brescia, un uomo stava per buttarsi dal palazzo delle poste; mi trovavo in piazza anche io: molti, tra la gente che stava sotto, gridavano: e dai, buttati…, e sghignazzavano.

e non avevano ancora inventato i social:

oggi possibilmente filmerebbero il suicidio e si farebbero un selfie accanto al cadavere da inviare subito, per divertire gli amici.

. . .

i giornali dicono che il camionista è un eroe, e a me piacerebbe pensare, assieme a lui che è soltanto un uomo normale.

irresistibilmente viene in mente Brecht: Sventurata la terra che ha bisogno di eroi.

perché gli uomini normali si stanno semplicemente estinguendo.

brecht_aforisma

 


6 risposte a "il camionista eroe – 287"

    1. ciao, shera, e buona giornata.

      no, non è vero, secondo me, ma direi anche oggettivamente.

      l’eroismo è ben altro, è quando si gioca la vita.

      non confondiamo l’eroismo col semplice coraggio.

      e per restare umani, basta restare umani, e forse non serve neppure troppo coraggio, solo una volontà chiara.

      dire che occorre essere eroi è come dire che soltanto pochi resteranno umani e a prezzo della vita; ma dai!

      Mi piace

      1. Hai scritto di getto forse fraintendendo ! io credo che oggi e lo dico con grande tristezza sia molto faticoso e molto co.rag.gio.so rimanere umani nella melma che ci sta affondando trovando il coraggio di allungare la mano e aiutare chi sta un centimetro più sotto di noi.
        Mi sa che tu ed io Dobbiamo staccare la spina per un po’…

        Mi piace

        1. ma no, carissima shera, non drammatizzare una discussione molto normale e serena.

          non ho scritto di getto affatto, ho perfino lasciato passare una notte, figurati, e lungi da me l’idea di voler risultare aggressivo.

          credo soltanto che tu abbia usato una parola che ho sentito come troppo forte: eroismo.

          perfino coraggio lo ritengo un poco eccessivo, visto che non mi pare ce ne voglia troppo per restare se stessi: sarà perché da tempo ho imparato a separarmi dalle persone sgradevoli?

          e queste sono sempre esistite attorno a me, da quando campo: non le ha mica inventate Salvini; anzi, semmai sono loro che questa volta hanno inventato lui, dopo ben altre invenzioni…

          calma e gesso, dunque, e dritti tranquillamente per la nostra strada; il mio messaggio voleva essere questo, una rassicurazione, e non per fare polemica con te, ci mancherebbe.

          di nuova buona e serena giornata, e un abbraccio virtuale.

          Mi piace

          1. Ci vuole proprio coraggio e ti do un esempio un ragazzo normalissimo aveva una maglietta del cinema America dove vado anch’io e che è un cinema diciamo intelligente? Si trova in ospedale perché tre bastardi gli hanno imposto di togliersela.

            Mi piace

            1. forse la situazione di Roma è diversa da quella in cui vivo io, in terra leghista. chissà… – certo qui episodi di questo tipo non sono neppure immaginabili.

              eppure continuo a pensare, forse sbagliando, chissà, che quelli sono fatti eccezionali e che il coraggio ci vorrebbe soltanto se diventassero la norma.

              ma in questo caso – che, ripeto, non credo sia – i coraggiosi, se sono tali, farebbero bene ad organizzarsi per ricambiare il favore, come si faceva nel Sessantotto e a organizzare delle ronde per pestare i pestatori fascisti.

              solo questi chiamerei coraggiosi, ma non chiamiamo coraggioso chi porta una maglietta, per favore, e nel caso preveda di essere aggredito non si organizzi per difendersi, insisto sulla mia posizione.

              Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...