fuori dal lago Tonlé Sap verso Battambang – 300 – Cambogia 2009 24

la massa delle foto, e dunque dei fotomontaggi, del viaggio in Cambogia di dieci anni fa sembrerà decisamente debordante; non bastassero quelle fatte allora, altre ne sono state ricavate adesso con opportuni tagli delle vedute d’insieme, e devo giustificare questa strana prassi: la pessima macchina fotografica che avevo al seguito non consentiva in pratica di fare foto decenti a distanza: cerco in qualche modo di rimediare adesso.

devo anche aggiungere che questa lunga giornata in barca, prima nel fiume che vi sfocia da Siem Reap, poi nel lago aperto, e alla fine nel corso d’acqua che dal lago si inoltra verso la cittadina di Battambang è stata quella che meglio mi ha messo a contatto, in tutto il viaggio, col mondo rurale cambogiano.

P1050743a

e se si giustificano le decine di foto ai siti archeologici che ci trasmettono il ricordo di un’antica civiltà, sia pure attraverso piccole variazioni quasi infinite di una iconografia standardizzata, come non comprendere le numerose foto che mi invogliarono a fare i visi sorridenti o impegnati nella fatica, i colori ricchi, le sfumature della vegetazione forestale, l’apparire di qualche tempio buddista?

. . .

le ore della giornata trascorrono e i luoghi cambiano, prima sotto il sole potente e quasi insopportabile del mezzogiorno e poi nel declinare lento del pomeriggio, ma la suggestione resta molto viva pure nell’alternarsi dei paesaggi naturali ed umani: si abbandona via via il lago vero e proprio con le sue popolazioni di pescatori, e si arriva ora ad un popolo di agricoltori che non vive sull’acqua, come i pescatori, ma sulla terraferma attorno al lago e poi al corso d’acqua che si risale per uscirne verso Battambang, ed appaiono diversamente impegnati; alle immagini della pesca come attività economica fondamentale, si sostituiscono contadini e artigiani e anche l’abbigliamento e i modi di vita tendono ad occidentalizzarsi.

sono i templi buddisti che si infittiscono lungo le sponde del fiume, alla fine, a preannunciare l’arrivo alla città.


Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.