due settimane di aria pulita, senza il Capitone – 385

qualcuno ha notato come si respira già meglio?

un improvviso silenzio è calato sui media: tace la Bestia, che gestiva la comunicazione social di Salvini, cioè in poche parole il suo rimestare nella merda dei social, e lui è arrivato a farsi fotografare alla scrivania del suo ufficio al Viminale, sinora abbandonato e dove fingeva di fare il ministro dell’Interno.

le sue smargiassate non mancano a noi, che avevamo già deciso di staccargli la spina e di non ascoltarle, ma alla grande stampa progressista che ha gestito la sua ascesa immaginaria facendogli una spudorata campagna favorevole a suon di scandalizzata indignazione, che serviva soltanto a fargli da cassa di risonanza.

e infatti cercano tuttora di dargli voce e di rianimarlo: ma c’è poco da fare, boccheggia.

e noi, per un po’, respiriamo.

. . .

che crollo repentino – anche se facilmente prevedibile e previsto da chi non aveva interesse alcuno ad accodarsi – e senza prospettive di ripresa alcuna: perfino i sondaggisti che sinora gli facevano da lecchini, certificano una disfatta mai vista.

(secondo loro, io continuo a credere ben poco i sondaggi, che – forse – volgono degli umori, ma al dunque il voto è qualcosa di diverso).

ma perdere un settimo dei consensi, per il 5%, in una settimana è un record che rimane ineguagliato, comunque.

senza farsi illusioni, perché sono anche elettori che si stanno guardando intorno cercando di peggio.

. . .

tutta la carovana giornalistica d’Italia è oggi impegnatissima a contrastare il governo PD, LeU e 5Stelle, che sarebbe il più a sinistra di tutta la storia d’Italia, per il terrore dei padroni della stampa, ed è in crisi di astinenza; deve accontentarsi delle poche scipite notiziole del banale razzismo quotidiano, elevate al rango di notizia grande e sparate nelle prime pagine, nella speranza che facciano scuola, e le manca acutamente chi dai vertici del potere faccia da grancassa alla squallida operazione di distruzione della civiltà dei comportamenti e della solidarietà umana.

intanto che qualcuno aspetta la resurrezione del Capitone, noi ci consoliamo chiedendoci pensosi come mai si sente un acuto bisogno, in tutto il mondo che una volta era definito civile, di maleducazione, grossolanità e possibilmente anche una quota corrispondente di disinformazione, ignoranza e stupidità.

chi vuole si conforti con questa foto del colloquio ufficiale tra il premier inglese brexiter Johnson e Macron.

5d5ec4e93c00004e004347d9

. . .

se non sbaglio, la foto non ha avuto da noi la popolarità che merita.

eppure fornisce ottime speranze a chi pensa di lucrare il consenso delle persone ben educate, senza proporgli altro che la soddisfazione di sentirsi tali.

perché dimostra che, morto un Capitone se ne trova subito un altro.


2 risposte a "due settimane di aria pulita, senza il Capitone – 385"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.