se potessi avere mille lire al mese – 406

una volta si diceva: la vile moneta.

oggi invece è in auge una strana superstizione: si ritiene che il tipo di moneta in uso sia la spiegazione ultima della vita economica.

la complessità dell’evoluzione storica e sociale viene ridotta ad un aspetto solo: la moneta (e Marx si rivolta nella tomba!).

. . .

si autodefinisce monetarismo, ma ne è soltanto una parodia; il monetarismo vero, infatti, studia gli effetti sull’economia della moneta vista come strumento, ma non ne fa la bacchetta magica che spiega da sola tutta l’economia, come nei divulgatori grossolani di cui si abbevera avidamente una opinione pubblica ignorantissima.

del resto, persino sul piano nel quale resta il monetarismo serio, cioè lo studio del rapporto tra distribuzione della moneta e prezzi, i fatti si sono incaricati di smentire le sue teorie: si veda la situazione, ad esempio, dell’area euro negli ultimi anni, dove neppure la continua stampa di moneta da parte della Banca Centrale Europea riesce a rilanciare l’inflazione.

è ovvio che sia così, se una quota crescente del reddito viene assorbita dai profitti degli iper-plutocrati e finisce con l’alimentare la spirale della speculazione finanziaria, sottraendo risorse ai consumi di massa.

in questi casi il monetarismo pop adempie perfettamente alla sua funzione di oppio dei popoli (come lo avrebbe chiamato Marx), occultando la crescente rapina dei moderni tecno-feudatari a danno dei sudditi e deviando l’attenzione e la rabbia contro falsi obiettivi.

. . .

fanno veramente ridere coloro che osservano quanto fosse diversa l’Italia degli anni dai Cinquanta agli Ottanta del secolo scorso, in un mondo completamente diverso, con un’etica del lavoro oggi quasi scomparsa, con una scuola che funzionava ancora, nel pieno dinamismo economico di un’Europa che era ancora quasi il centro del mondo, in una espansione travolgente delle innovazioni tecnologiche e dei consumi…, e poi trovano la spiegazione di questo stato di cose nel fatto che allora ci fosse la lira.

ehi, belli: non è affatto detto che due cose siano la CAUSA l’una dell’altra semplicemente perché avvengono assieme!

l’Italia partecipava allora dell’espansione mondiale? (sia pure con qualche difficoltà che nasceva proprio dalla moneta che aveva e dall’uso dissennato dello strumento monetario che faceva la politica di allora e che pose le basi dei nostri mali futuri).

era per via della lira! oh spiegazione troppo semplice…

oggi il mondo è diventato economicamente multipolare, l’Europa regge a fatica un predominio insidiato dai nuovi giganti politici ed economici dell’Asia, il mondo è diventato globalizzato e questo ha cambiato tutti i termini delle nostre relazioni commerciali?

vero, ma è colpa dell’euro, no?

. . .

basta ritornare alla lira per ritrovare il bel tempo passato – che poi non era affatto bello, neppure in tempi di espansione facile, con l’inflazione al 25%, per chi lo ha vissuto davvero, ma questo è un altro discorso.

basta tornare alla lira per ritrovare la felicità.

hqdefault


2 risposte a "se potessi avere mille lire al mese – 406"

    1. ben detto, ma con la precisazione che la Russia è più un gigante militare e geografico che altro; ha meno di 150 milioni di abitanti, due volte e mezzo l’Italia, neppure il doppio della Germania e un terzo dell’Unione Europea. e per di più demograficamente è in pesante crisi.
      tutto vorrebbe che entrasse nell’Unione Europea, se non ci fossero le basi e le bombe atomiche americane in mezzo a noi ad impedircelo, oltre che la sua tradizione politica autoritaria.

      Mi piace

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.