depurazione del Garda, fiume Chiese e l’incredibile PD bresciano – 510

faccio fatica a credere a quel che leggo, ma tant’è:

va in Consiglio Provinciale una mozione dell’unico consigliere di Liberi e Uguali, che chiede un nuovo studio sul problema della depurazione delle acque del lago di Garda sulla sponda bresciana.

https://corpus15.wordpress.com/?s=depuratore

infatti suscita diffuse opposizioni la soluzione proposta sinora: far risalire fino a circa 150 metri gli scarichi dei comuni rivieraschi per depurarli lungo il corso del Chiese in due impianti a Gavardo e Montichiari, per poi riversare nel fiume le acque depurate; restano fuori dal progetto Desenzano e Sirmione nella parte meridionale del lago, che continueranno a riversare i loro scarichi a Peschiera e nel Mincio.

gaia-depuratore

nella discussione il centro-destra, sinora rigido nella difesa di questo progetto, si dichiara favorevole ad un emendamento che chiede tempi certi, lo fa approvare e a queste condizioni vota a favore della mozione.

ma chi si schiera contro, a questo punto, a sorpresa e in controtendenza rispetto alle opinioni diffuse nella base democratica? chi vota anche contro gli indirizzi espressi la mozione approvata dai Circoli provinciali di Legambiente Brescia?

chi agisce come longa manus dell’ente gestore, che sostiene il progetto in questione?

il Partito Democratico!

il Partito Democratico!

e siccome controllano almeno 8 voti su 16 e la votazione finisce in parità, 8 a 8, la mozione non viene approvata e il Partito Democratico (democratico?) bresciano si è assunto l’enorme responsabilità di dare il via libero definitivo a questo progetto, non solo finanziariamente e tecnicamente folle, ma in contrasto con la legislazione vigente, come giustamente ha ricordato Legambiente:
Ogni bacino idrologico-imbrifero deve provvedere alla depurazione dei propri reflui fognari.

per non aggiungere che, data l’enormità dei costi di costruzione e poi di gestione, queste decisione comporterà un aumento delle tariffe dell’acqua in tutta la provincia.

. . .

riporto la mozione di Legambiente, contro la quale ha votato – lo ripeto perché la cosa mi sembra incredibile – il Partito Democratico bresciano.

ma in che mani è caduto oramai questo partito?

Premesso che il progetto in questione è ritenuto lacunoso e tutt’altro che esaustivo nella comprensione delle ragioni che hanno portato alla scelta sopra citata, i Circoli provinciali convengono che:
• ogni parte del territorio della Provincia di Brescia ha pari dignità: prerogative e peculiarità devono essere mantenute e incentivate;
• sia il bacino del Garda che quello del fiume Chiese scontano problematiche vecchie di decenni, sempre ignorate, a cui urge dare risposte precise, risolutorie e lungimiranti;
• la tutela di tutti gli ecosistemi è prerogativa imprescindibile per garantire a noi e soprattutto alle generazioni future un’adeguata qualità di vita;
• una programmazione territoriale oculata e finalizzata a garantire il benessere e la salute delle popolazioni deve essere il presupposto di ogni scelta politica, economica, sociale.
Pertanto all’unanimità i rappresentanti dei Circoli provinciali di Legambiente affermano che:
1) Ogni bacino idrologico-imbrifero deve provvedere alla depurazione dei propri reflui fognari, così come sancito dal T.U. Ambiente;
2) Devono essere adottate le migliori tecnologie esistenti per garantire un’altissima qualità di depurazione;
3) La stima dei costi energetici e di gestione deve avere un peso rilevante nell’iter decisorio in modo da non incidere sulle tariffe che andranno a carico delle bollette di tutti gli utenti della provincia;
4) Il rispetto della normativa che riguarda il consumo di suolo deve essere uno dei punti fondanti del processo decisionale.
L’iter procedurale per la depurazione della sponda bresciana del lago di Garda dovrà quindi individuare la migliore soluzione possibile per garantire la reale e duratura risoluzione dei tanti problemi che le negligenze del passato hanno reso sempre più tangibili; tutto ciò senza coinvolgere l’attiguo bacino del fiume Chiese che sconta anni di incuria e sfruttamento intensivo delle sue acque per cui si rendono necessari urgenti interventi riqualificanti.


3 risposte a "depurazione del Garda, fiume Chiese e l’incredibile PD bresciano – 510"

    1. può essere, in generale, anche se – come sai – ritengo che questo giudizio non esenti dalla fatica di un’analisi dettagliata e difficile delle grandi opere una per una, per capire la loro effettiva eventuale utilità relativa o inutilità assoluta; indubbiamente vi è una categoria “grandi opere e cementificazioni” dal punto di vista di chi le esegue, ma questo non consente, secondo me, che ci sia una indifferenziata categoria “grandi opere” dal punto di vista dei fruitori.
      e vi è anche una categoria ideologica precisa che maschera la sottomissione concreta del PD ai grandi potentati economici, ed è quella della sceinza: il PD (vedi questione vaccini) fa del crasso populismo scientista presentandosi come il difensore della scienza contro la superstizione, facilitato in questo dalla debolezza culturale di certe schegge impazzite.

      ma c’è poi una dimensione più specificamente bresciana, ed è la sottomissione del PD locale, che in questo caso è completa, agli interessi e alle scelte di A2A, la vera potenza economica che determina oggi la politica bresciana; e questo porta ad una dittaura di fatto del potere economico, dato che viene meno la divisione dei poteri che è l’essenza della democrazia.
      non sto dicendo che si debba fare la guerra alle scelte della A2A per principio, ma rifiutare perfino di approfondirle e studiarle meglio, questo è davvero troppo!

      quel che mi stupisce non è questa voglia di servilismo ben compensato in termini di sostegno, agli interessi di una grande azienda, ma la follia di chi si pone contro tutti gli orientamenti profondi della propria area di riferimento elettorale, pensando di farla franca.
      come possono pensare di fare fessi i loro elettori in questo modo?

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.