le sardine nell’acquario della tv (e altri rospi da sputare) – 19

ho intravisto una Sardina in tv, messa a confronto con Sgarbi: lui urlava, come sempre, spettacolo pietoso di un uomo emotiva-mente disturbato, eretto da decenni a modello della comunicazione.

e poi ci si meraviglia se abbiamo un elettorato come lui, a sua immagine e somiglianza.

ho resistito pochi secondi: la sardina sorrideva, per quanto può sorridere una sardina: era quieta, ma non riusciva a diventare un modello di comunicazione alternativa.

più che altro boccheggiava.

. . .

che spettacolo deprimente: le Sardine protestano contro la deformazione politica del linguaggio e poi vanno in tv a rafforzare l’audience di questi guitti bolsi.

Vittorio-Sgarbi-urla

care Sardine, se avete fatto così in fretta a farvi riassorbire, disdico l’idea di venire a trovarvi a Brescia per la giornata della Memoria, visto che mi pare che l’abbiate già persa.

se si vuole fare opposizione al delirio mediatico, non si può farla sui media: questo mi pareva che fosse chiaro.

. . .

con l’occasione sputo un altro rospo: che dire del delirio della maggioranza che non vuole decidere di autorizzare il processo a Salvini prima delle elezioni regionali?

se c’è un modo di dare a ragione a Salvini sono questi tatticismi da sacrestia.

ovviamente non c’è proprio nulla di strano nell’idea che un politico, accusato di avere violato al legge, vada in tribunale a dimostrare se è vero oppure no; ma questa sinistra da barzelletta (sinistraaa???) riesce perfino a vergognarsi del rispetto della legge.

naturalmente la questione è la stessa della Diciotti: un ministro non deve avere il potere di violare la legge, ma neppure un governo tutto intero; ma l’assoluzione che la maggioranza di allora si diede da sola nel primo caso non è bene si estenda anche a un secondo caso.

del resto, ci siano o no le mail o i messaggini tra Conte e Salvini, sul blocco arbitrario della Gregoretti, Conte ne è responsabile esattamente come Salvini, per semplice omissione.

lo dice la Costituzione all’art. 95:
Il Presidente del Consiglio dei Ministri dirige la politica generale del Governo e ne e` responsabile.
Mantiene l’unita` di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando la attivita` dei Ministri.

siccome Conte non si dissociò da Salvini né lo richiamò all’ordine, è responsabile del blocco della Gregoretti esattamente come lo era del blocco della Diciotti.

ma c’è ancora qualcuno disposto ad appassionarsi di queste cose e a dare ragione a dei dementi che passano il tempo a spararsi da soli sugli zebedei di montalbana memoria?

. . .

intanto gli 80 euro di Renzi diventano 100, per questo governo, e regalati a una platea anche più vasta.

ma voi parlate pure di Sanremo e delirate sul sessismo di Amadeus!

qui oramai è diventato un molestatore maschilista chiunque dica ad una donna che la trova bella.

e pare che le donne si debbano offendere a sentirsi fare i compimenti: tutte non belle e frigide, possibilmente.

ma chi sono gli uomini che odiano le donne che hanno inventato queste follie?

e tanto ci vuole a difendere la propria igiene mentale e a staccare la spina sapendo che anche solo ascoltare criticamente ci condiziona comunque emotivamente?

. . .

di panem et circenses morì già anche l’impero romano.


4 risposte a "le sardine nell’acquario della tv (e altri rospi da sputare) – 19"

  1. L’altro ieri Sartori parlava di DASPO dai social, a riprova del fatto che forse abbiamo fatto male a credere alle Sardine…

    Credo che Amadeus stia parlando unicamente per attirare i riflettori sul “suo” Sanremo. Comunque, quella frase non è sessista perché ha detto che una donna è bella: lo è perché sembra dare ad intendere che una donna deve stare un passo indietro rispetto al “suo” uomo.

    "Mi piace"

    1. ma, veramente ho letto che le accuse di sessismo erano due e per due frasi diverse (ho trascurato la prima, a cui accenni tu, perché effettivamente non era troppo felice); però, letto è una parola esagerata, diciamo che ho intravisto…,

      aspetta è quando ha detto che lì da lui le donne saranno tutte belle, e le scorfane naturalmente si sono offese perché non le ha invitate, il porco maschilista.

      dove andremo a finire con queste idiozie? e poi si meravigliano se la destra stravince! io comincio a dubitare che queste siano come le Brigate Rosse, lavorano per la destra, evidentemente.

      "Mi piace"

    2. oh, ho dimenticato la cosa più importante.

      DASPO dai social: ecco un’idea splendida, anche se di difficile realizzazione: sono completamente d’accordo.

      anzi, mi spingo anche a dire, provocatoriamente, ma non tanto, che la sostengo da quindici anni almeno e quasi quasi considero un “nemico del popolo” chi non la condivide! 🙂

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.