un 8 settembre chiamato coronavirus – 96

non era affatto difficile prevederlo, eppure quello che sta succedendo supera le peggiori previsioni che potevano fare le menti libere.

siamo di fronte allo spappolamento evidente di una nazione; è un nuovo 8 settembre, un mollate le righe generalizzato, uno sfacelo civile, il trionfo di quella follia collettiva che si chiama egoismo, quando l’egoismo perde la testa.

dispiace, quanto dispiace, avere avuto ragione.

download

. . .

anzi, dispiace anche non avere avuto abbastanza immaginazione, perché tutto sta andando molto peggio delle astratte previsioni negative.

mi risparmio altre parole: basterebbero i detenuti in rivolta nelle carceri e il morto che ci è scappato, uno solo al momento.

mi risparmio altre parole, perché oramai di parole non ne ho più e le parole non servono più a niente.

conteremo i morti a migliaia per questa follia collettiva: la curva si sta già alzando, nelle rianimazioni il moribondo più giovane scaccia il moribondo più anziano – come è giusto che sia, se i posti scarseggiano – e il numero dei morti sale drammaticamente anche per questo.

se chi se ne frega della salute pubblica potesse essere selezionato dal virus e pagarla cara, questa potrebbe essere una benedizione; ma purtroppo i comportamenti irresponsabili non danneggiano soltanto direttamente chi li ha, e si ammalerà molto più facilmente, ma indirettamente anche chi ha responsabilità e protegge se stesso e gli altri.

. . .

però non mettetemi fra le mani l’idiota della comunicazione che ha inventato lo slogan che bisogna rispettare le confuse disposizioni ministeriali per proteggere i nonni.

personalmente mi sento un nonno che non ha bisogno di nessuna particolare protezione e sono preoccupato non per me, ma per figli e nipoti, perché sono a rischio anche loro.

i nonni lasciateli pure andare, se occorre, non sarà qualche lieve anticipo eventuale dell’uscita di scena a fare una differenza fondamentale, ma sono i giovani che si devono proteggere.

dalla diffusa stupidità alimentata da un sistema mediatico impazzito da decenni, prima di tutto.

 

 

 


12 risposte a "un 8 settembre chiamato coronavirus – 96"

  1. [A volte penso ci sia il lo zampino dell’INPS :\
    Ironia crudelissima a parte…]

    Scegliamo governi scrinteriati, persone vuote che non sanno programmare dall’oggi al domani
    Andiamo avanti guardando indietro, e distruggendo il meglio.

    Non ho molte speranze, metto in moto il mio fatalismo e stop

    (ma tu pensa quante persone sono arrivate in Sardegna, recentemente, senza alcun controllo -parlo nei giorni precedenti – Qui gli ospedali sono allo stremo già in condizioni normali…Se dovesse aumentare (…) il numero dei contagiati non credo ci sia il tempo di fare differenziazioni di sorta.)

    Non ci resta che vivere, davvero, giorno per giorno

    "Mi piace"

  2. Bisogna dare ordine di far fuori tutti quelli seduti al bar a sorbirsi il caffè in compagnia da una tazza usata da 50 persone prima di loro e lavata in maniera dubbia. Mettere cecchini sui tetti per far fuori chi esce a correre…
    Misure che possono garantire i posti letto a tutte le persone responsabili.

    "Mi piace"

    1. sanguinario! vuoi anche sparargli addosso, a ospedali intasati….

      ma no, basta qualche multa da migliaia di euro, che risaniamo anche il bilancio dello stato.

      ieri hanno istituito un posto di blocco alla fine della Val Sabbia, dove confina col Trentino; è durato un’ora, poi è arrivato l’ordine di toglierlo.

      per fortuna ci ha pensato il Padreterno, che con una grossa frana ha bloccato una strada, ma pare che anche lui non riesca ad arrivare dappertutto.

      "Mi piace"

      1. Bisogna solo assicurarsi che non finiscano in Ospedale per cure. Cioè prendere la mira al meglio.
        È ridicola l’incapacità di seguire le regole. Che sia il punto debole degli occidentali? L’incapacità di agire come gruppo?

        "Mi piace"

        1. indubbiamente la cultura occidentale è individualista e quella orientale no; per questo noi parliamo di dittatura in Cina, ma stiamo soltanto applicando i nostri valori occidentali ad una cultura diversa.

          dentro l’Europa, però, ci sono delle forti differenze regionali e i tedeschi, ad esempio, sono molto meno individualisti dei mediterranei e anche degli inglesi.

          sembra che l’individualismo abbia un certo rapporto con la struttura economica di un paese: più nell’economia prevalgono commercio e finanza, più quel paese è individualista.

          l’Italia, comunque, in Europa e nel mondo, è il paese più individualista che ci sia; nei secoli passati era il centro del commercio e della finanza mondiale, poi questo primato si è perso, ma l’individualismo è rimasto.

          "Mi piace"

          1. Ho trovato la soluzione. Chi viene beccato a violare le regole viene registrato. Se successivamente si ammala e finisce in ospedale si da la precedenza a quelli senza segnalazioni. Se non ci sono posti quelli che si sono comportati male vengono staccati e buttati in mezzo alla strada per fare spazio agli altri.

            "Mi piace"

            1. può andare.

              ma c’è anche la soluzione più semplice e più macabra di mandarlo nelle carceri in rivolta… -per fare una cinica battuta.

              ma non mi pare che il decreto scombinato preveda nuove pene per coloro che non rispettano le regole…

              "Mi piace"

  3. Caro Mauro, sai che il mio pensiero era simile al tuo.
    Ma cosa cambia ?
    Ancora nelle Marche si passa da un eccesso all’altro.
    I coglioni egoisti e folli gli iperansiosi quelli che recitano i rosari.
    Gruppi a passeggio come si fosse festa ….
    Troppi giovani che girano
    Stanno provando una curati su malati covid 19 a Napoli in collaborazione con altri centri italiani virologia tumori, ecc e altri centri cinesi ,sono tutti accreditati una cura che si applica per artrite reumatoide e dopo trattamento con cellule car T.
    Si chiama Tocilizumab. Prima risposta sembra positiva Ma .È tutto da vedere.
    Senza allarmismo ti dico che a breve saremo zona rossa Ancona e provincia.
    Seguiamo le istruzioni più sensate senza sentirci superiori a nessuno.
    I nostri ospedali sono già pieni.
    Arrivano da Pesaro ma l”accoglienza non basterà.
    Aspetto misure più risolutive, ospedali militari.
    Finora sono tre. Roma, Milano, Torino.
    Poco molto poco.

    Buon rientro a casa fai attenzione comunque ti abbraccio 🐞

    "Mi piace"

    1. brava Francesca, continui con i tuoi commenti che aggiungono informazioni e pensieri.

      credo che oramai sia chiaro che c’è una parte della popolazione che nega il virus; del restolo sta facendo anche Trump…

      peccato solo che il virus non riesca a distinguerli e a prendere bene la mira; però ci stanno pensando loro da soli a impestarsi come meglio possono… – battuta amara…

      "Mi piace"

    1. inutile pensare che possiamo uscire dal cataclisma se non impariamo qualcosa.

      e siccome penso anche io come te che è molto difficile, allora di conseguenza mettiamoci il cuore in pace che il cataclisma arriverà fino al fondo delle sue possibilità.

      "Mi piace"

Lascia un commento, soprattutto se stai scuotendo la testa. Un blog lo fa chi lo commenta. E questo potrebbe diventare il tuo blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.